Noi interisti abbiamo un difetto, la memoria: ricordiamolo a chi dei nostri non sa o dimentica

Noi interisti abbiamo un difetto, la memoria: ricordiamolo a chi dei nostri non sa o dimentica

di Gianfelice Facchetti

Un tempo e un gol per parte. Prima il Napoli e poi l'Inter, cercando il vantaggio fino alla fine. Un pareggio giusto che puo' ritenerci soddisfatti, dopo essere andati sotto al quinto minuto su rigore trasformato da Insigne. Dopo la coppa Italia, i nerazzurri completano la reazione post derby con una prestazione positiva in una sfida con cui la squadra di Spalletti poteva riaprire ancora di piu' i giochi. Sia chiaro, niente e' scritto ne' deciso ma uscire indenni dallo stadio Maradona vale molto. Soprattutto aver visto i ragazzi di Inzaghi propositivi nel finale di gara, segno che forse la condizione migliore stia tornando.

foto Lapresse

Mercoledi' sara' Inter-Liverpool e l'augurio migliore che si possa fare alla squadra, e' quello di trovare ancora piu' coraggio e voglia di stupire dentro e lontano da San Siro. Siamo capaci di tutto, tocca crederci, tifosi disfattisti compresi, specie quelli che vanno dietro ai menagramo, a quelli che dimenticano l'asterisco di una partita piu' che ci spetta, a quelli che riscrivono classifiche immaginarie senza contare le prime giornate perche' fa comodo cosi' e si vende di piu'.

Ogni occasione e' buona, pur di sottrarre merito a chi sta in testa se di nerazzurro vestito e in cambio far rivivere vecchi fantasmi. E' un gioco che non attacca. Noi interisti abbiamo un difetto, abbiamo memoria, ricordiamolo a chi ci attacca a sproposito, ricordiamolo a chi dei nostri non sa o dimentica. P.S. Grazie Samir!


Ultimo aggiornamento: Domenica 13 Febbraio 2022, 15:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA