Milan, settimana nera. Theo Hernandez positivo al Covid, e per Maignan lo stop è di 3 mesi
di Luca Uccello

Milan, settimana nera. Theo Hernandez positivo al Covid, e per Maignan lo stop è di 3 mesi

Luca Uccello
Povero Milan. Dopo Mike Maignan (intervento al legamento del polso sinistro perfettamente riuscito), fuori almeno tre mesi, Stefano Pioli perde anche Theo Hernandez risultato positivo al Covid di ritorno dalla sua Francia, dal trionfo in Nations League. Positivo al coronavirus e costretto a restare in isolamento a casa fino a nuovo tampone. Niente Hellas Verona sabato sera, nessuna possibilità nemmeno di poter giocare la prima delle due decisive sfide contro il Porto in Champions League. Perdere significherebbe avere un piede fuori dalla competizione europea che porta gloria e milioni di euro nelle casse del club rossonero. L'assenza dell'esterno francese, uno dei migliori al mondo, è una perdita gravissima in vista proprio dei prossimi impegni in cui il Milan si giocherà lo scudetto oltre che il proprio futuro europeo. A sinistra il suo posto sarà preso da Ballo-Touré, un giocatore giovane che ha dimostrato chiaramente di avere caratteristiche diverse da Theo. E come non bastasse, a destra mancherà un'altra freccia dell'arco di Pioli: Davide Calabria. Il prodotto della Cantera rossonera è tornato dall'avventura azzurra con Mancini con un problema muscolare che gli impedirà di scendere in campo a San Siro come in Coppa. Al suo posto Pierre Kalulu. Il francesino ha già dimostrato di poter giocare in questo Milan ma ha chiaramente caratteristiche ben diverse dal legittimo titolare. Due gare dove mancherà ancora Zlatan Ibrahimovic, almeno dall'inizio. Sabato sera sarà ancora assente, per martedì al massimo potrà accomodarsi in panchina ma sarebbe quasi un miracolo. Lo svedese a Milanello continua a lavorare in campo ma ancora lontano dai suoi compagni. Prima di forzare il tendine Ibra essere sicuro completamente guarito e considerata età e precedenti è meglio non correre inutili rischi. Così Pioli sarà costretto ad affidarsi a Olivier Giroud che in partenza però, almeno contro l'undici di Tudor, dovrebbe lasciare ancora il posto a Rebic prima punta. In porta senza l'ex Lille spazio a Tatarusanu che farà le prove generali per l'esordio in Champions a Oporto. Antonio Mirante, che ha firmato un contratto fino a giugno con opzione per la prossima stagione, dovrebbe andare in panchina, la sua prima con la maglia del Milan. Per lui una vera occasione dopo essere rimasto senza squadra a giugno scorso. E chissà,. visto che Maignan dovrà restare fuori 10 settimane ci sarà anche l'occasione di vederlo in campo


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Ottobre 2021, 08:49

© RIPRODUZIONE RISERVATA