Lukaku si divora tre gol, Belgio eliminato dai Mondiali. I social lo massacrano: «Povera Inter, è bollito»

Dopo il fischio finale del match (concluso 0-0), la parola Lukaku è salita in fretta in tendenza su Twitter

Lukaku si divora tre gol, Belgio eliminato dai Mondiali. I social lo massacrano: «Povera Inter, è bollito»

Una notte da dimenticare. Romelu Lukaku sbaglia almeno tre gol fatti in 10 minuti contro la Croazia e contribusce all'eliminazione del Belgio dai Mondiali in Qatar. L'errore più clamoroso arriva a pochi minuti dalla fine. L'attaccante dell'Inter si ritrova la palla sui piedi a pochi passi dalla linea, ma sbaglia lo stop e perde la possibilità di segnare il gol vittoria, tra l'incredubilità di tifosi e compagni. Alla fine l'attaccante dell'Inter esce arrabbiato e in lacrime. E i social come sempre non perdonano.

Lukaku, social scatenati

Dopo il fischio finale del match (concluso 0-0), la parola Lukaku è salita in fretta in tendenza su Twitter. Tutti gli appassionati del mondo hanno visto e commentato quello che è successo in campo. Tantissimi i commenti alla prestazione del giocatore, tornato in estate all'Inter dal Chelsea, ma praticamente mai sceso in campo a causa di infortuni e ritardo di condizione. 

«Ha dimostrato ancora una volta di essere decisivo nelle partite che contano», scrive un utente ironizzando il pomeriggio da dimenticare di Lukaku. «Povera Inter, 20 milioni di euro per un bollito», scrive un altro. «Quei gol li faceva anche mia zia di 89 anni», commenta l'influencer Er Faina. «Non ricordo una prestazione simile in un Mondiale», dice invece il giornalista Giuseppe Pastore. 

Il primo a esserne consapevole è proprio Lukaku, che era una furia lasciando il campo. Sui social, oltre ai tanti commenti negativi sulla sua prestazione, impazza il video del giocatore che sfonda la panchina con un pugno. Ha provato a consolarlo Thierry Henry, ma difficilmente prenderà sonno questa notte. Il suo mondiale, forse l'ultimo della carriera, è finito nel peggiore dei modi.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Dicembre 2022, 18:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA