«Le donne non possono parlare di tattica», bufera su Collovati. Ma la moglie lo difende

«Le donne non possono parlare di tattica», bufera su Collovati. Ma la moglie lo difende

Fulvio Collovati, ex calciatore e campione del Mondo 1982 con la maglia azzurra, dice la sua sul caso Icardi-Inter e finisce al centro di polemiche ed accuse di sessismo. Collovati, ora opinionista a Quelli che il calcio, su RaiDue, ieri aveva infatti commentato così il caso innescato da Wanda Nara: «Quando sento una donna, poi la moglie di un calciatore, parlare di tattica mi si rivolta lo stomaco, non ce la faccio. Se parli della partita e di come è andata va bene, ma non puoi parlare di tattica perché una donna non capisce come un uomo».

Nadia Toffa: «Ho una sorta di compagno, ecco cosa facciamo quando ci vediamo»



Le dichiarazioni di Fulvio Collovati hanno immediatamente scatenato un certo imbarazzo in studio, ma anche una certa indignazione. Luca Bizzarri, conduttore della trasmissione, non gliele ha mandate a dire: «Sei uno sporco maschilista». Collovati, a questo punto, ha voluto puntualizzare così: «Le calciatrici qualcosa sanno, ma non al cento per cento. Se poi riducete tutto al fatto che sono maschilista va bene, sono maschilista. Mia moglie non si è mai permessa di parlare di tattica nei miei confronti!».

Le parole hanno scatenato l'indignazione sui social network. A difesa di Fulvio Collovati è intervenuta anche sua moglie Caterina, giornalista e conduttrice tv, che rispondendo su twitter a una sua follower che le chiedeva un parere sulle sue parole ha affermato: «Mio marito ha parlato di tattica. La tattica spiegata da una donna non mi convince...Quando presentavo le trasmissioni di calcio non ho mai avuto la pretesa di spiegare il 4-4-2. La visione del mondo unisex non mi appartiene».  Poi, in un altro tweet: «Parlare di calcio certo, ma la tattica è altra cosa. Parlare, tutti possiamo farlo dire cose giuste è diverso. Saluti dalla moglie di un uomo che rispetta le donne più di molti altri...questa sì che è una certezza!».
 

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA