Karel Poborsky ha rischiato di morire: «La barba mi ha quasi ucciso, colpa di una zecca»

Karel Poborsky ha rischiato di morire: «La barba mi ha quasi ucciso, colpa di una zecca»

Forse a causa di una zecca che ha vissuto nella sua barba trasmettendogli la malattia di Lyme, Karel Poborsky ha rischiato la vita. L’ex calciatore è tornato a parlare dell’estate del 2016, quando si è manifestata la malattia: “Se fossi arrivato in ospedale un giorno più tardi, questa intervista non sarebbe mai uscita”.

Barbara D'Urso sfida la Ventura e The Voice: non manca la stoccata velenosa



L’ex centrocampista della Lazio, oggi dirigente sportivo, che molti ricorderanno per aver infranto il sogno scudetto dell’Inter con una doppietta il 5 maggio del 2002, ha raccontato l’accaduto in un’intervista al The Guardian: «Ero in coma indotto. Al mio risveglio, mi hanno chiesto quale fosse il mio nome. Tutti i miei muscoli facciali erano paralizzati, ho trascorso tre settimane in quarantena nella struttura sanitaria sotto potenti antibiotici».



Oggi la paura è passata e Karel Poborsky è tornato alla normalità, ma il ricordo è sempre vivo: «Non potevo mangiare, dovevo tenere gli occhi coperti perché ero molto sensibile alla luce. Ero parecchio spaventato».
Le cause della malattia non sono certe, ma la più accreditata è appunto la presenza della zecca che ha tramesso la malattia di Lyme, patologia di origine batterica difficilmente diagnosticabile e, se trascurata, con gravi conseguenze.
Lunedì 22 Aprile 2019, 13:22



© RIPRODUZIONE RISERVATA