Un capitano, Pietro Castellitto interpreterà Francesco Totti. Tifosi in rivolta: «Non gli somiglia per niente»

video
Ora è ufficiale: Un Capitano, la serie ispirata alla carriera di Francesco Totti, si farà. A interpretare l'ex capitano della Roma è stato scelto Pietro Castellitto, 28enne figlio di Sergio e di Margaret Mazzantini.

Leggi anche > Francesco Totti e Ilary Blasi beccati a letto: il momento intimo finisce su Instagram



La serie, che sarà realizzata da WildSide per Sky e sarà diretta da Luca Ribuoli, vedrà iniziare le riprese a febbraio 2020, fino all'inizio dell'estate. La narrazione va dalla gravidanza di mamma Fiorella fino alla conquista della Scarpa d'Oro, nel 2007, e la serie sarà composta da sei episodi da 50 minuti ciascuno. La serie tv è ispirata all'autobiografia di Francesco Totti, scritta insieme a Paolo Condò e pubblicata da Rizzoli.

La scelta di Pietro Castellitto, però, non ha convinto i tifosi della Roma. Il 28enne attore ha alle spalle una certa esperienza, dopo il debutto con una piccola parte, appena 13enne, nel film Non ti muovere, diretto dal padre Sergio e tratto dal romanzo scritto dalla madre Margaret. Insieme al padre Sergio, Pietro Castellitto ha lavorato in altri due film: La bellezza del somaro e Venuto al mondo. Dopo la commedia È nata una star?, il 28enne attore aveva anche interpretato, in maniera assolutamente convincente, il personaggio di Secco nel film La profezia dell'armadillo, tratto dalla graphic-novel d'esordio di Zerocalcare.

Se la scelta 'artistica' può essere accettata, quello che non va giù ai tifosi della Roma è la scarsa somiglianza tra Pietro Castellitto e Francesco Totti. La maggior parte dei tifosi ha commentato così la notizia: «Non gli somiglia affatto, possibile che non ci fosse un altro attore più somigliante? Ad esempio, Alessandro Tiberi». C'è chi però è fiducioso: «Vedrete che truccatori e costumisti faranno un ottimo lavoro». E chi proprio non riesce a sopportare le critiche continue dei tifosi sui social: «Noi romanisti, oltre a sentirci allenatori, calciatori, direttori sportivi, ora ci crediamo anche grandi registi e attori, dobbiamo sempre criticare quando forse sarebbe meglio tacere ogni tanto».
Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Novembre 2019, 17:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA