Cesare Cremonini, il suo Tweet diventa virale: «I no vax non vanno isolati, ma aiutati. Sono ansiosi»

Cesare Cremonini, il suo Tweet diventa virale: «I no vax non vanno isolati, ma aiutati. Sono ansiosi»

Anche Cesare Cremonini ha voluto dire la sua sul tema dei vaccini e dei no vax. Il celebre cantante bolognese ha cercato di stemperare i toni esasperati che corrono sui social. Su Twitter ha «cinguettato» la sua opinione sui no vax aggiungendo che l'informazione e la comunicazione aggressiva non giovano, diventando subito virale.

Leggi anche > Giampiero Galeazzi e Paola Ferrari: botta e risposta al curaro

 

«Anche io (come tanti) ho amici che non si sono vaccinati. Quando ne parliamo si aggrappano a tutto ma la verità è che alcuni di loro sono dei forti ansiosi, da sempre. Chi ha questa difficoltà va aiutato, non isolato. L'informazione e una comunicazione aggressiva non giovano». Si legge sul profilo Twitter di Cremonini.

Il Tweet ha subito scatenato la reazione dei suoi follower che si sono divisi tra chi appoggia le parole del cantante e chi, invece, non le condivide. Tra chi non condivide il pensiero di Cesare Cremonini spunta anche Tommaso Labate, noto scrittore e giornalista, che dichiara «Sul principio sono perfettamente d'accordo, Cesare. Ma quanto può durare il dialogo in quella che era e rimane comunque una corsa contro il tempo? E soprattutto, mi chiedo, col 99% della comunità scientifica unanime, su che cos'altro può basarsi un cortese convincimento?».

Cremonini, che ha voluto rispondere a molti suoi Retweets, non ha mancato di rispondere anche a  Labate: «Non è sempre una guerra fra scemi e intelligenti. Gli scemi li abbiamo compresi. Ma le sfumature contano. Le fragilità sono diffuse e in un paese in cui i disagi psichici sono tabù chi ha le idee chiare ha una responsabilità in più. Aiutiamoci».

Nel lungo botta e risposta con tutti i suoi follower, il cantautore bolognese ha voluto precisare di essere a favore dell'obbligatorietà del vaccino, ma fino a quando si ci sarà, la parola disertori applicata a persone che subiscono un'informazione balorda, la lascerei nel cassetto. Si può fare di meglio, ha aggiunto.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 10 Agosto 2021, 20:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA