Biondo di Amici: «Io credente e innamorato. Sogno un live con il Papa»
di Ida Di Grazia

Biondo di Amici: «Io credente e innamorato. Sogno un live con il Papa»

È stato uno dei fenomeni più acclamati dell'ultima edizione di Amici di Maria De Filippi. Sognava di diventare Carlo Cracco ma alla fine ha deciso di seguire la sua passione per l'R&B. Lui è Simone Baldasseroni in arte Biondo che si è raccontato in esclusiva a Leggo.

È passato dalla tranquillità della scuola di Amici a incontrare oltre 50.000 fan, cosa si prova?
È stato tutto veloce. Uscito dal talent 5 giorni dopo ho fatto il mio primo instore a Roma di fronte a 4.000 persone è stato incredibile. Il passaggio dal piccolo schermo alle persone vere che cantano le tue canzoni è emozionante, galvanizza tanto.



Ad Amici è entrato con album già pronto, Dejavu che è Disco d’Oro, ma cosa c’è in cantiere?

Finalmente posso dirlo e approfitto di voi. A ottobre uscirà il mio secondo album, avrà dieci tracce e ci ho lavorato giorno e notte. L’ultima canzone la sto ancora scrivendo. Ho sempre detto di voler portare l’ R&B in Italia, e credo di essere tra i primi farlo e a crederci. In mano ho un album molto forte. Non ci saranno featuring, ci ho pensato, ma questo è un album introspettivo, voglio far capire in primis chi sono io. Affronto tematiche personale, voglio che passi in primo piano la mia musica, oltre il personaggio Biondo. Il mondo ha bisogno di etichettare le persone, ma ora che non ci sono i riflettori puntati voglio far passare la mia musica. Ora è il momento di spingere
 
 


Durante le liti con Heather Parisi c’è chi ha preso le sue difese, dalla De Filippi a Fedez...

Maria mi ha insegnato la calma e a non andare in paranoia se ti fanno una domanda. Ma devo ammettere che ho avuto il sostegno di tanti. Il primo a credere in me è stato Rudy Zeri, poi anche SImona Ventura... che grande! L’intervento di Fedez è stato inaspettato, non era tenuto, ma ci ha messo la faccia. Ho visto l’intervista che ha rilasciato a Costanzo e mi è sembrato una persona vera che non si nasconde, un po’ mi ci sono ritrovato. Me lo ha fatto apprezzare ancora di più umanamente.

Come Fedez è entrato nella scuderia di Soundreef, la startup concorrente di Siae, perché?

Volevo proteggere la mia musica. In quattro anni in Siae non ho ricevuto nessun feedback nemmeno una lettera con scritto “benvenuto in SIAE” e tra la cosa migliore e quella normale, ho scelto la migliore. Avere riscontri in tempi brevi è fondamentale, io posso aprire il mio computer e controllare in tempo reale lo stato dei passaggi della musica tutte le volte che voglio. Penso sia futuristico, per non parlare del rapporto umano. Mi hanno accolto, hanno creduto in me e nella mia musica e io mi sento più al sicuro, sono tutelato.

Ad Amici si è anche innamorato

Non c’è molto da spiegare. Con Emma (Muscat) è iniziato tutto in modo molto genuino, quando ci hanno diviso al serale ho capito che c’era qualcosa di più forte e da allora non ci siamo più lasciati. Stiamo insieme da sette mesi. Penso sia un regalo di Dio, io sono molto credente e lei è un punto di riferimento che fa bene all’anima.

È credente?

Se sono così sicuro di me è solo grazie alla fede. Me lo hanno insegnato i miei genitori, so che da quando sono piccolo ogni volta che mi rivolgo a Dio quella cosa mi viene data. Mi è sempre stato vicino ed ho un modo tutto mio di crederci. Papa Francesco vorrei conoscerlo, magari mi fa fare il live da San Pietro sul balcone con lui (ride ndr).

Questa però la scrivo

Si si magari risponde.

riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: 10:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA