«Parlare in corsivœ», cosa significa? Ecco perché è realtà e non una moda passeggera

La nuova tendenza social sta spopolando, ma "parlare in corsivo" è una realtà consolidata

«Parlare in corsivœ», cosa significa? Ecco perché è realtà e non una moda passeggera

La lingua è un organismo vivo che si evolve nel tempo, muta insieme alla società e si trasforma in base a chi la usa. E nell'epoca del web 2.0, con i social che hanno preso il sopravvento nella comunicazione, ecco arrivare il nuovo modo di pronunciare le parole. Una tendenza che sta spopolando soprattutto su TikTok, grazie anche a Elisa Esposito, una giovane influencer con 700mila follower, che spiega come «parlare in corsivo».

 

Leggi anche > L'offerta di lavoro: 10 ore al giorno per 280 euro al mese. «Voi ragazzi non avete voglia di lavorare». La risposta su TikTok

 

@eli.esposito

duettate alunni🤓🤓🤓ig: eli.espositoo

♬ suono originale - Elisa Esposito

 

Dalla sua «prima lezione di corsivœ» il suo video di TikTok è diventato virale ed è scoppiata una vera e propria tendenza del momento sulla piattaforma social più usata dai giovani. In pochi giorni il suo video ha avuto oltre 2 milioni di visualizzazioni e il «corsivo» è diventata la moda del momento. 

 

Nel video, la giovane creatrice di contenuti invita i suoi follower a ripete le parole «amore», «verifica» e «alunna», per l’occasione rese graficamente con «amiœee», «vërificæ» e «alünnæ». Si apprende così che parlare in corsivo consiste essenzialmente nell’allungare e storpiare le parole, ma non solo. È indispensabile anche mescolare le vocali in modo da creare un effetto cantilenante che contraddistinguerebbe la cadenza di molte ragazze della borghesia milanese. Al di là della palese generalizzazione, va effettivamente precisato che non è assolutamente un'invenzione dell'influencer

 

Parlare in questo modo è diventato un tipico modo di fare dei più giovani che già era stato notato durante l'ultima edizione del reality, Rai, Il Collegio. E a contribuire alla diffusione di questa tendenza ci hanno pensato anche alcuni artisti, i più amati dalla Generazione Z: da Blanco a Tha Supreme, da Rkomi a Madame, fino a Sangiovanni che insieme a Fedez e Luis Sal, sul podcast Muschio Selvaggio di Fedez, aveva già affrontato l'argomento in tempi non sospetti. Nessuna moda social passeggera, dunque. Parlare in corsivo è una realtà, in particolare in alcuni ambienti di Milano e la visibilità che sta ottenendo in questi giorni non può che contribuire a una sua ulteriore diffusione


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Giugno 2022, 14:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA