Scuola, quarantene e soglia positivi (diversa per età) per evitare la Dad. Bianchi ai sindacati: «In presenza e in sicurezza»

Oggi l'incontro dei governatori con il Governo. Domani il Consiglio dei ministri per le decisioni definitive

Video

Preservare il più possibile le lezioni in presenza, rivedendo il numero di contagi che fa scattare la Dad per tutta la classe. È questa, secondo quanto si apprende, l'ipotesi di lavoro del governo emersa anche durante la riunione tra il premier Mario Draghi e i ministri a Palazzo Chigi sulla scuola. La soglia per la Dad potrebbe essere aumentata in particolare per le fasce di età che hanno una copertura vaccinale più elevata. La priorità, sarebbe stato ribadito, è quella di garantire il più possibile le lezioni in presenza, mettendo in campo tutte le soluzioni adatte a gestire il picco della quarta ondata Covid atteso a gennaio.

 

Bianchi: «Scuola in presenza e in sicurezza»

Scuola in presenza e in sicurezza. Questa la priorità che il Ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, avrebbe ribadito, secondo quanto si apprende, nel corso di un incontro con i sindacati di settore.

 

 

 

Scuola, la proposta delle Regioni

Numeri e vaccini. Per garantire la presenza in sicurezza a scuola, come auspicato dallo stesso ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, sarà necessario rimettere mano ai protocolli sulla didattica a distanza, eliminando la distinzione tra vaccinati e non vaccinati e aumentando la soglia di casi positivi oltre la quale si finisce a casa. Sembra questa la linea che si appresta ad adottare il governo nel consiglio dei ministri di domani, anche se resta ancora in piedi la proposta di alcune regioni - Campania in primis - di far slittare la riapertura delle scuole e contenere dunque l'ondata del virus. Dirimente, secondo i governatori, potrà essere solo un parere del Comitato Tecnico Scientifico. «Deve essere la comunità scientifica - afferma il presidente del Veneto, Luca Zaia - a certificare la possibilità» di riaprire le scuole il 10 gennaio. E sul rientro sembra essere aperto lo scontro tra i sindacati e il ministero, accusato di «sgarbo istituzionale» per non aver portato al tavolo di oggi le misure previste per il ritorno in classe. Esprimono «preoccupazione» anche i presidi che sposano la proposta delle Regioni di rivedere i protocolli sulle quarantene.

 

Zona arancione: Liguria, Marche e Trento verso cambio colore. In Veneto record contagi ma resterà giallo

 

 

La fascia che tiene più in apprensione sia palazzo Chigi che i governatori è quella tra i 5 e gli 11 anni, quella cioè che per ultima è entrata nella campagna vaccinale. E così - è la proposta delle Regioni - alle scuole dell'infanzia si finirebbe in quarantena per sette giorni con un solo caso, mentre per le elementari e la prima media la quarantena e l'interruzione della frequenza si avrebbero se ci sono almeno due contagiati. Nel caso di un solo positivo si attiva l'autosorveglianza, con la raccomandazione di astenersi dalla frequentazione di ambienti differenti dalla scuola, senza testing. Per le scuole secondarie di primo (per i soggetti di età uguale o superiore ai 12 anni) e secondo grado, lo stop alla frequenza e la quarantena scatterebbero con un minimo di 3 casi. L'ultima parola, ribadiscono i governatori, dovrà però essere quella del Cts che in qualche modo dovrà garantire sulla stabilità sanitaria di tali decisioni.

 

 

 

Le questioni messe sul tavolo sembrano trovare d'accordo anche palazzo Chigi che già domani potrebbe dare il via libera alle nuove procedure. Nell'incontro di oggi tra il premier Mario Draghi e i ministri della Salute, Roberto Speranza, e dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, è stata ribadita la volontà di preservare quanto più possibile le lezioni in presenza rivedendo il numero di contagi che fa scattare la Dad per tutta la classe. Lo stesso Bianchi, durante l'incontro con i sindacati, ha sottolineato che la scuola sarà «in presenza e in sicurezza». Parole che trovano d'accordo i presidi e un pò meno alcune sigle sindacali, tra cui l'Anief, secondo la quale il ritorno in presenza «è folle». «L'anno scorso - spiega il presidente, Marcello Pacifico - con una curva di contagi dieci volte inferiore si ritornava al 50% a fare la didattica a distanza. Quest'anno con i casi in crescita esponenziale decidiamo che i contatti stretti non contano più nulla».

 

 

 

Pregliasco: «Ritardare il rientro aiuterebbe»

Il virologo Fabrizio Pregliasco ha parlato del ritorno a scuola degli studenti italiani: «E' una sfida. Dal punto di vista del risultato epidemiologico avremmo una grande efficacia dal ritardare la riapertura» ha detto all'Adnkronos. «Mi rendo conto - dice il medico - che il desiderio generalizzato» è quello di far tornare i ragazzi a scuola anche perché uno slittamento deciso «così all'ultimo crea problematiche logistiche alle famiglie e al resto. Quindi credo che sia fondamentale provare sapendo che potrebbe esserci nel futuro il rischio. Gestire questo obiettivo dipenderà da tutti: dai cittadini, dalle famiglie e dall'organizzazione. Proviamo questa sfida che può dimostrare la responsabilità». 

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Gennaio 2022, 00:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA