Scuola, stop trasferimenti per gli insegnanti di ruolo: per 5 anni non potranno cambiare istituto
di Lorena Loiacono

Scuola, stop trasferimenti per gli insegnanti di ruolo: per 5 anni non potranno cambiare istituto

Restare sulla stessa cattedra almeno per 5 anni: con questo emendamento al Decreto semplificazioni, Lega e M5S provano a blindare i docenti neoassunti: una norma che andrebbe a limitare le richieste di trasferimento con cui, una volta avuto l'incarico, gli insegnanti provano a tornare nella provincia di origine. Un fenomeno che riguarda soprattutto le scuole del Nord, ogni anno alle prese con cattedre vuote per la mobilità dei docenti provenienti dal Sud.

Il nuvo vincolo è contenuto nell'emendamento dei relatori Mauro Coltorti del M5S e Daisy Pirovano della Lega e riguarda i docenti di ogni ordine e grado. Il testo, in approvazione al Senato, va comunque incontro alle intenzioni della maggioranza e alla volontà del ministro all'istruzione Bussetti, favorevole al vincolo quinquennale per i docenti neoassunti (dall'asilo alle superiori).

Oggi il vincolo di 5 anni esiste solo per i docenti delle scuole secondarie, assunti dalla legge della Buona Scuola e vincitori di concorso, e per i docenti di sostegno che devono restare 5 anni sul sostegno ma non obbligatoriamente nella stessa sede. Senza tutela, quindi, per il ragazzo con disabilità. Il vincolo di tre anni esiste invece per i docenti della secondaria assunti con la Buona Scuola ma non vincitori del concorso e per i neoassunti negli asili e nelle elementari. «La disposizione ha anche l'effetto di incrementare la continuità didattica, a tutto vantaggio degli alunni, che potranno così raggiungere migliori risultati negli apprendimenti», dicono i relatori.
Ma non è così semplice: la mobilità dei docenti, infatti, viene concordata con i sindacati con i contratti collettivi nazionali integrativi in materia di mobilità del personale scolastico. E, per il prossimo triennio, l'accordo è sui tre anni di vincolo.

riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: 09:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA