Superluna Blu, cos'è e come vedere l'eclissi totale

Superluna Blu, cos'è e come vedere l'eclissi totale

Mancano due settimane all'appuntamento con un vero e proprio spettacolo nel cielo: il 31 gennaio tornerà ad essere visibile la Superluna Blu, ma con un piccolo dettaglio che rende l'evento imperdibile. La seconda luna piena del mese, infatti, si tingerà di rosso. Ecco come seguire lo spettacolo, che non sarà visibile dall'Italia.



A spiegare il fenomeno è l'astrofisico italiano Gianluca Masi, responsabile scientifico del Virtual Telescope Project: «Una splendida eclissi totale poiché il nostro satellite si immergerà completamente nel cono d’ombra proiettato dalla Terra. Il fenomeno sarà visibile bene solo dall'Estremo Oriente e dagli Stati Uniti occidentali». Niente paura: basta seguire l'evento in streaming sul sito di Virtual Telescope.

La prossima Superluna, la seconda e ultima Luna Piena al perigeo del 2018, concluderà il ciclo di tre consecutive, iniziato il 3 dicembre 2017 e già passato per la Superluna di Capodanno. Il nostro satellite, infatti, riferiscono gli astrofisici, raggiungerà la minima distanza dalla Terra (perigeo) il 30 gennaio, alle ore 10:55, quando si troverà alla distanza di 358.994 km, contro una distanza media di poco più di 384.000 km). Ventisette ore dopo, raggiungerà anche la fase piena, 'coincidenza' questa che viene popolarmente definita come 'Superluna': il nostro satellite apparirà dunque un po' più luminoso e un po' più grande del solito.



La definizione, in sé, non ha alcuna valenza scientifica: in astronomia si preferisce parlare di Luna Piena al Perigeo, ma il termine Superluna esercita senza dubbio un fascino tutto suo". "La prossima Superluna, che apparirà circa il 7% più grande e un po' più luminosa della media, sarà la seconda Luna Piena di gennaio, chiamata popolarmente da qualche tempo 'Luna Blu'" afferma Gianluca Masi. "Poiché tra una Luna Piena e l’altra intercorre un intervallo di tempo di circa 29.5 giorni -prosegue Masi- è difficile che lo stesso mese ospiti due Lune Piene: l'ultima volta era accaduto nel luglio 2015, mentre nel 2018 avremo una 'Luna Blu' sia a gennaio che a marzo".



Ma la Luna "Blu" del 31 gennaio, "oltre ad essere 'super', è pronta a vestirsi, realmente, di un altro elegantissimo colore" scandisce l'astrofisico. "Grazie ai nostri collaboratori in Australia e negli Usa -aggiunge ancora Masi- mostreremo in diretta esclusiva questa splendida eclissi totale della 'Superluna Blu', che invero si tingerà di rosso a ridosso della fase totale dell’eclissi".

Questo affascinante colore bronzeo deriva dal fatto che, mentre la Luna è immersa nell’ombra della Terra, la luce solare filtra attraverso la nostra atmosfera e la sua componente rossa viene diretta efficacemente verso il nostro satellite. Visto che quella del 31 gennaio sarà l'ultima Superluna piena del 2018 perché la prossima si verificherà tra quasi un anno, il Virtuale Telescope Project la riprenderà anche mentre sale sull’orizzonte di Roma, tra i più famosi monumenti della Città Eterna, condividendone la visione, come sempre, con i curiosi di tutto il mondo.
Martedì 16 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 13:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME