Covid, scoperta a Trieste nuova mutazione in una bimba: «Ma è più pericolosa per gli adulti»

Scoperta a Trieste nuova mutazione in una bimba: «Ma è più pericolosa per gli adulti»

Covid, nuova scoperta in Italia. Una mutazione del virus Sars-Cov-2, già riscontrata negli adulti negli Stati Uniti, è stata individuata per la prima volta anche in Italia, in ambito pediatrico. Ad accertare la presenza della mutazione «N439K» - questa l'indicazione scientifica - è stato uno studio dell'Università di Trieste e Irccs «Burlo Garofolo» di Trieste in collaborazione con l'Università di Milano. Il caso è stato riscontrato in una bimba di Trieste che manifestava una elevata carica virale. Da questo dati sono cominciate varie ricerche che hanno accertato la presenza della mutazione.

Covid in Germania, Merkel: «Abbiamo tentennato e commesso errori, le varianti possono essere catastrofiche»

Secondo i ricercatori, questa non è pericolosa nei bambini ma lo è per gli adulti, in quanto particolarmente resistente agli anticorpi sierici e verso alcuni anticorpi monoclonali, utilizzati nei cocktail a scopo terapeutico. Dunque la sua capacità di contagio è maggiore. All'Irccs «Burlo Garofolo» durante la seconda ondata sono stati osservati in alcuni bambini elevate carica virali, con livelli mai riscontrati. Secondo Manola Comar, professoressa di microbiologia dell'Università degli Studi di Trieste, presso l'Irccs-Burlo Garofalo, si è dunque sospettata «una maggiore capacità del virus di infettare questa fascia di popolazione», considerando comunque che «i bambini sembrano possedere una parziale protezione al Covid -19 dovuta a una maggiore esposizione rispetto agli adulti, ad altri coronavirus umani».

Covid, i nuovi sintomi: mal di testa, brividi, perdita di appetito, ecco quali sono per fascia d'età

Nello specifico, l'analisi di un frammento virale «Receptor Binding Domani», svolta dall'equipe dai professori Pasquale Ferrante e Serena Delbue, virologi dell'Università di Milano, ha identificato mutazioni in due bambini che avevano, appunto, cariche virali molto elevate e in uno di questi casi con mutazioni nucleotidiche, di cui una «N439K». Questo dato dimostra, secondo gli scienziati, che il virus mutato è penetrato anche in una fetta della popolazione, finora, poco esplorata. E anche che il Covid-19 per i bambini è una malattia benigna nella stragrande maggioranza dei casi.

Variante inglese a Roma, chiusa scuola al Prenestino. «Tutto è iniziato con un bimbo con la febbre»

 

Astrazeneca, l'Oms: «Adatto per gli over 65 e contro le varianti». Nature: verso nuova pandemia


Ultimo aggiornamento: Sabato 13 Febbraio 2021, 07:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA