Salvini: «Governo finito per colpa dei no. A Mattarella chiedo il voto». E in Aula bacia il crocifisso

Matteo Salvini esce dal Senato alterato dopo l'intervento in cui Giuseppe Conte lo ha accusato di non aver avuto il coraggio di prendersi le sue responsabilità. Oltre a enumerare gli «insulti» di Conte, che secondo lui sono rivolti «a tutti gli italiani», Salvini insiste sul concetto di "inciucio" tra M5S e Pd e sui vari "no" che avrebbe ricevuto sulle riforme. «Adesso capisco tutti quei no», ha insinuato Salvini. «Oggi in Aula ho capito che c'è un'avversione a Matteo Salvini. L'Italia non merita un governo, ammucchiata, 'contrò Salvini, ma un governo del per. Io non lo temo, anzi». Per questo, aggiunge Salvini, «Chiedo il voto al presidente Mattarella. La via maestra sono le elezioni. Chi scappa dagli elettori qualche problema ce l'ha».
 


Eppure all'inizio del dibattito in Senato Salvini aveva tirato dritto. «Rifarei tutto quello che ho fatto. Continuo a pensare che si debba andare al voto», aveva detto Matteo Salvini cominciando così il suo intervento nell'Aula, nel giorno forse più difficile della sua vita politica. Quasi una giustificazione rivolta ai suoi, in un giorno complicatissimo per la sua leadership indiscussa sino a pochi giorni fa, ma oggi criticata da tanti leghisti, a partire dai governatori del Nord, man mano che un possibile accordo 'giallorossò rischia di allontanare l'obiettivo sognato, quello che sembrava ormai scontato, delle urne. 

Ed anche il percorso dell'Autonomia. Ma se da un lato attacca a testa bassa «l'inciucio» tra M5s e Pd, Salvini, dall'altro, tenta di lasciare aperto un ultimo strettissimo sentiero per il dialogo con i 5S, confermando di essere ancora disponibile a «votare il taglio dei parlamentari, fare una manovra coraggiosa e poi andare al voto». Parole che però non convincono più di tanto, sembrano più un espediente propagandistico per togliersi dalle mani il cerino della crisi, dopo il durissimo j'accuse di Giuseppe Conte dedicato tutto al suo vicepremier. 



 


 
Martedì 20 Agosto 2019, 16:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA