Carlo Calenda a Leggo: «Andrò al ballottaggio. Con chi? Magari con Virginia Raggi. La prima cosa da sindaco? Intervento choc per ripulire la città»

Video
di Redazione Web

Carlo Calenda non ha dubbi: andrà al ballottaggio per scegliere il nuovo sindaco di Roma. Il leader di Azione, la cui intervista potrete leggere in formato integrale sull'edizione cartacea di Leggo di domani e - conseguentemente - sul sito, ha toccato tutti gli argomenti più importanti su queste elezioni amministrative. Dal problema del traffico e del trasporto pubblico, alla gestione dei rifiuti, fino a raccontare il suo primo provvedimento qualora diventasse Sindaco della Capitale. 

 

Calenda ha parlato anche dei rapporti - non proprio idilliaci - con il Pd romano, e con Matteo Renzi che con Italia Viva lo appoggia nella corsa a Sindaco di Roma. Una corsa nella quale è convinto di arrivare - almeno - al ballottaggio. «Mi piacerebbe vedermela con Virginia Raggi» racconta ai microfoni di Leggo. 

 

CALENDA: HANNO PAURA DI FARE IL SINDACO DI ROMA? C'E' MOLTO DA LAVORARE

«Perché in molti si sono rifiutati di candidarsi a Sindaco di Roma? Perché è il lavoro più difficile del mondo, e perché la città è in declino da 15 anni. Roma ha bisogno di un city managaer che sta seduto alla scrivania per ore. Un lavoro molto faticoso che in molti non vogliono fare». 

 

CALENDA: ROMA E' BISTRATTATA, ECCO PERCHE'

Roma è bistrattata innanzitutto perché abbiamo uno scarso senso della Nazione e quindi anche la capitale è messa in discussione. Roma deve tornare ad essere capitale e tutti gli italani devono esserne fieri perché è un biglietto da visita per tutti loro. Roma ha avuto una classe dirigente di centrosinistra, destra e dei M5S che non hanno saputo governare e hanno bloccato tutto. Se ti porti queste persone dietro quando diventi sindaco è chiaro che non riesci a ribaltare Roma come si dovrebbe.

 

CALENDA QUALE SARA' IL PRIMO INTERVENTO DA SINDACO?

 

Il primissimo intervento cxhe farò se sarò eletto sindaco sarà un piano di pulizia straordinario quantificato in 38 milioni di euro in 12 mesi: pulizia dei marciapiedi, graffiti, erbacce infestanti.  Dobbiamo dare ai romani immediatamente la sensazione che si è invertita una spirale di decadenza che andava avanti da anni. Il secondo è la revisione generale delle metropolitane altrimenti l'anno prossimo si fermeranno così come le scale mobili.

 

CALENDA: AL BALLOTTAGGIO? VORREI TROVARE VIRGINIA RAGGI

 

Al Ballottaggio vorrei trovare Virginia Raggi. Mi piacerebbe dimostrare proprio in questa città che l'idea dei cinque stelle per cui tu potevi non avere nessuna esperienza e governare una città come Roma, o quella che non si ha bisogno di studiare o di avere una competenza amministrativa, o che "uno vale uno", beh, mi piacerebbe che questa idea venisse sconfitta definitivamente in questa città. E se non sarà Virginia Raggi io sarò comunque al ballottaggio perché i romani sanno che bisogna ribaltare questa città

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Luglio 2021, 08:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA