Aggredisce i passanti nelle calli di Venezia: il fantasma ha le ore contate Ecco l'identikit
di Davide Tamiello

Aggressioni nelle calli di Venezia: il fantasma ha le ore contate Ecco l'identikit

VENEZIA - Il fantasma ha le ore contate. La polizia, in queste ore, starebbe aspettando solo il momento migliore per tendere la rete in cui farlo cadere: a questo punto non dovrebbe mancare molto per identificare l'uomo con il coltello che da giorni gira per le calli minacciando e terrorizzando i passanti. Le squadre della questura gli stanno addosso da un po', fin dalle prime segnalazioni arrivate in commissariato e al 113. L'identikit è piuttosto evidente: trentenne, kosovaro, capelli rasati, altezza circa 1.75, barba.

SAN MARCO E RIALTO
Coltello sempre in tasca, minaccia chi incontra nelle sue passeggiate serali nella zona tra San Marco e Rialto. Nel mirino, soprattutto ragazze e giovani. Il suo è un atteggiamento da teppista, più che da rapinatore: si avvicina, mostra il coltello e minaccia. Inizialmente si era pensato ad episodi isolati e sconnessi tra loro. Poi, all'aumentare delle segnalazioni, si è ricostruito che l'autore poteva essere sempre lo stesso. Dalle segnalazioni ai social: le minacce dell'uomo hanno portato a dei volantini, distribuiti in alcune zone della città e poi postati su Facebook. Nei bar tutti parlano dei suoi appostamenti, sotto casa delle vittime. Sono quasi sempre ragazze giovani e le aggressioni sembrano non aver mai un movente particolare. Solo la voglia di spaventare, evidentemente. 

LE DENUNCE
Tra le testimonianze, quella di un veneziano che a passeggio assieme ad un amico nella zona tra l'area Marciana e Realtina, si è imbattuto nel trentenne. È bastato poco, ha denunciato, perché il kosovaro li minacciasse con un coltello prima di venire aggredito dai due amici, di essere disarmato e costretto a darsi alla fuga urlando ai due che sarebbe tornato e li avrebbe uccisi entrambi. 

Il suo racconto, come le tante segnalazioni ricevute nelle scorse settimane, è finito adesso al centro delle indagini, ora arrivate a un momento decisivo. L'obiettivo del questore e dei suoi uomini, ovviamente, è toglierlo di mezzo prima dell'inizio del Carnevale, quando le calli della città saranno piene di gente, momento in cui potrebbe diventare decisamente rischioso avere una persona pericolosa a piede libero con un coltello in tasca.
Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Gennaio 2020, 11:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA