Giornata storica: le ruspe in via Anelli, il Bronx di Padova Video

PADOVA - Giornata storica per la città di Padova: alle 10 le ruspe hanno iniziato l'abbattimento delle palazzine di via Anelli, quartiere emblema del degrado tanto da essere soprannominato il Bronx di Padova.

Gli edifici sono del 1974. Prima che si propagasse il tumore della droga negli appartamenti di 28 metri c'erano studenti fuori sede. Le famiglie avevano stimato che sarebbe stato un buon investimento anche per il futuro. Poi sono arrivati i papponi e con loro gli africani, specializzati nello smercio. Tanto che nel 2001 si dovette aprire un Commissariato di polizia a 50 metri. I costi per demolire e ricostruire - 25 milioni - sono sembrati proibitivi per tutti anche per grandi gruppi stranieri. La Giunta Giordani però ha trovato una soluzione: scambiare la proprietà di quel terreno con un altro del demanio in centro. Così il Comune a conti fatti per smontare il bronx spenderà 17 milioni di euro, l'equivalente di 10 scuole materne nuove. Cinque milioni sono il valore dei terreni e della cubatura che ha dovuto cedere nel 2005 all'Ater per fare nuovi alloggi al posto di quelli che gli erano stati sottratti; 2 milioni per il trasloco; 8,4 milioni per l'acquisto degli appartamenti; 600 mila per la demolizione. Più altre spesucce di contorno come i 186 mila euro per comprare il locale dell'ex moschea.
 

Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Ottobre 2019, 19:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA