"I vegani possono scalare le montagne", ma lei muore sull'Everest

"I vegani possono compiere imprese estreme":
alpinista muore mentre scala il monte Everest -Foto

Voleva scalare il monte Everest per dimostrare a tutti quanti che i vegani erano capaci di imprese eccezionali e per sfatare il mito che li vede sempre malnutriti e deboli.

Ma qualcosa non ha funzionato e lei, Maria Strydom di 34 anni, alpinista esperta, è morta proprio mentre cercava di raggiungere la vetta più alta del mondo a causa di un brutale congelamento che l'ha stroncata. Ad accompagnarla nell'impresa c'era anche suo marito Robert Gropel ma lui, fortunatamente, è riuscito a salvarsi nonostante anch'egli abbia subìto un principio di congelamento.
 
 


Era da tempo che Maria Strydom voleva sfatare queste dicerie contro i vegani e infatti qualche mese fa, prima di iniziare a prepararsi per la sua fatale escursione sull'Everest, scrisse su Facebook: "Sembra che le persone abbiano questa idea distorta che i vegani siano sempre malnutriti e deboli: dimostrerò che non è così scalando la vetta più alta del mondo".

Maria, purtroppo, è la terza alpinista morta nel breve periodo, da quando cioè la montagna è stata riaperta dopo il terremoto in Nepal dello scorso anno. Vegani o non vegani, la montagna non fa sconti.
Martedì 24 Maggio 2016, 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA