New York, multe agli ospedali che non fanno vaccinare il personale
di Giuseppe Scarpa

New York, multe agli ospedali che non fanno vaccinare il personale

Nel tentativo di accelerare quello che è stato un lancio lento del vaccino contro il coronavirus, il governatore di New York ha minacciato lunedì di multare gli ospedali fino a 100mila dollari se non finiscono il loro primo ciclo di vaccinazioni entro la fine della settimana. Il governatore Andrew Cuomo ha affermato che gli ospedali hanno ricevuto vaccini nelle ultime tre settimane come parte di un programma che dà priorità agli operatori sanitari in prima linea, ma hanno somministrato solo la prima dose del 46% dei vaccini assegnati. Ciò equivale a circa 300.000 su circa 650.000 dosi assegnate finora, secondo Cuomo. 

LEGGI ANCHE Vaccino, a New York un terzo dei sanitari rifiuta il siero anti-Covid

Il democratico ha accusato la burocrazia come la ragione principale dei ritardi, in particolare negli ospedali pubblici. "Questo è un problema di gestione", ha detto Cuomo in una teleconferenza di lunedì con i giornalisti. "Devono spostare il vaccino e devono spostarlo più velocemente". Il governatore ha anche minacciato di interrompere l'invio del siero agli ospedali che non utilizzano tempestivamente la loro quota. A livello nazionale, il lancio è stato rallentato da problemi logistici.

LEGGI ANCHE Infermiera morta 2 giorni dopo il vaccino anti-Covid, l'autopsia: «Non c'è nessuna relazione diretta»

I ricoveri a New York sono raddoppiati dall'inizio di dicembre a 8.251 a partire da domenica. Lo stato registra in media 13.687 nuovi casi al giorno negli ultimi sette giorni, in aumento del 27% rispetto a una settimana fa.  "Questa è una questione di vita o di morte, quindi sì, sono impaziente", ha detto Cuomo, che ha anche minacciato pesanti multe per gli operatori sanitari che ricevono o somministrano in modo fraudolento i vaccini.

Secondo Cuomo, diversi ospedali nello stato hanno somministrato meno del 30% dei sieri loro assegnati. Brian Conway, portavoce della Greater New York Hospital Association, che rappresenta più di 160 ospedali e sistemi sanitari, ha detto che gli ospedali stanno cercando di somministrare il vaccino "nel modo più rapido e sicuro possibile". "Ci saranno sempre degli ostacoli in un piano così vasto e complesso", ha detto Conway.

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 6 Gennaio 2021, 10:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA