Russia in crisi, Mosca sta finendo i missili. E i generali russi temono di diventare il capro espiatorio di Putin

Londra: «Mosca sta finendo i missili e i generali russi temono l'epurazione»

di Francesco Malfetano

Vladimir Putin potrebbe presto essere a corto di armi e missili. Al momento è poco più di una suggestione ma nel Regno Unito sembrano crederci fermamente. A rilanciare la questione è infatti il DailyMail citando l'ammiraglio britannico Sir Tony Radakin, capo di stato maggiore della Difesa britannica secondo cui Mosca «Potenzialmente ha un problema, perché il tasso di spesa e la durezza della lotta è totalmente differente da quello che aveva programmato il 24 febbraio».

Ucraina diretta, Usa: Russia ha mentito all'Onu, fosse a Bucha. Zelensky: «Nell'acciaieria Azovstal è l'inferno»

Vale a dire che, a 10 settimane dall'inizio del conflitto, il Cremlino non si trova solo a fare i conti con le pesanti sanzioni occidentali ma anche con la necessità di rifornire costantemente i suoi magazzini di armi perché quelle a disposizione si sono dimostrate insufficienti.

La "guerra logistica"


In pratica al netto delle costanti dimostrazioni di forza con la presentazione di nuove armi, oltre che la sanguinosa invasione dell'Ucraina, i russi stanno anche portando avanti con difficoltà anche una specie di «guerra logistica». «Stiamo parlando - ha rincarato la dose Radakin - di un forte impatto sulle loro forze armate. Hanno subito l'effettiva eliminazione del 25% delle loro forze, sia a causa dell'uccisione di persone che dei danni ai loro gruppi tattici di battaglione». Una situazione più o meno identica a quella descritta dall’analista russo Pavel Luzin al Giornale sostenendo che Putin abbia già esaurito «l’80 e il 90% dei missili a medio e lungo raggio disponibili» e che quindi la Russia «non è più in grado di causare danni strategici all'Ucraina attraverso attacchi missilistici convenzionali». 

 


Si tratta cioè dell'ennesimo riflesso dovuto all'errata valutazione sul campo fornita dai generali russi a Putin che di certo non pensava di ritrovarsi in un conflitto di questo tipo. Tant'è che ora i vertici dell'esercito del Cremlino si ritrovano ad incolparsi a vicenda per timore di essere accusati del fallimento dell'invasione e, quindi, di essere «epurati». A sostenerlo, sempre secondo il quotidiano inglese, è stavolta il segretario alla Difesa del Regno Unito Ben Wallace. Durante una visita in Finalndia infatti, il ministro di Sua Maestà ha sostenuto che i generali russi stanno diventando il capro espiatorio per la mancata vittoria lampo del conflitto e che ora si incolpano a vicenda per il «disastro» dato che temono di essere eliminati da Putin se il «pantano» attuale si dovesse trasformare a tutti gli effetti in una ritirata dell'esercito russo. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 6 Maggio 2022, 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA