Covid Piemonte, dei 147 ricoveri in terapia intensiva 102 sono no vax

Covid Piemonte, dei 147 ricoveri in terapia intensiva 102 sono no vax

Le Regioni continuano a richiedere chiarezza nel metodo con cui viene redatto il bollettino quotidiano

Gli effetti del vaccino contro il Covid sono ormai evidenti: due terzi dei pazienti ospedalizzati sono no vax. Come riporta il Corriere, in Piemonte, tra i 147 ricoveri in terapia intensiva, 102 riguardano pazienti non vaccinati (78 uomini e 24 donne); gli altri 45, invece, persone vaccinate (25 uomini e 20 donne) ma che hanno quadro clinico di fragilità causato da patologie pregresse. Sembra, però, che la musica stia cambiando. Difatti, solo ieri, negli hub vaccinali si sono recate per fare la prima dose anti-Covid, tanto da essere somministrate nelle ultime 24 ore 51.119 dosi di vaccino.

 

Leggi anche - Torino, a 3 anni vola giù dal balcone, il compagno della madre: «Non sono stato attento»

 

Intanto, le Regioni continuano a richiedere chiarezza nel metodo con cui viene redatto il bollettino quotidiano dei contagi, sia rivisto in funzione degli ospedalizzati asintomatici. Per ora il Comitato tecnico scientifico non si è espresso ufficialmente ma Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute (ai microfoni della trasmissione L’Italia s’è desta su Radio Cusano Campus) ha precisato di essere «per la trasparenza dei dati perché, più dati hai più è facile spiegare le misure che prendi». 

Dal canto suo, la Fondazione Gimbe secondo la quale «il nuovo sistema per conteggiare i pazienti Covid in ospedale serve solo ad evitare restrizioni: tanto vale eliminare il sistema delle Regioni a colori». Interviene in merito anche l’infettivologo torinese Giovanni Di Perri, responsabile del reparto di Malattie Infettive dell’Amedeo di Savoia,sostenendo: «Sappiamo benissimo che quello che contiamo è in difetto rispetto alla realtà ma, fino a oggi, ci ha dato segnali e spunti utili nella gestione della pandemia — spiega — dal mio punto di vista si può fare a meno o no di questi dati: per inquadrare la realtà, le cose urgenti da fare sono altre».

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Gennaio 2022, 11:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA