Gemellini circoncisi in casa: David morto a due anni. Arrestato il presunto medico libico

Video
di Simone Pierini

Come appreso da Leggo, questa mattina a Monterotondo, a nord di Roma, due gemellini nigeriani di quasi due anni sono stati circoncisi all'interno di una casa famiglia. Uno dei due bambini, David, è morto. Il fratellino è ricoverato in prognosi riservata in condizioni gravissime all'Ospedale Sant'Andrea. A praticare l'intervento un presunto medico libiche,  che è stato arrestato dalla Polizia di Stato. La Procura di Tivoli ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di omicidio, nello stesso fascicolo sono ipotizzate anche le lesioni gravissime nei confronti del fratellino. Da accertare al momento la natura dolosa o colposa dell'omicidio.

Anna Ruzzenenti, italiana morta in Messico. La tv di Cancun choc: «Ha tentato il suicidio, abbiamo il video»

In serata la procura di Tivoli ha disposto l'arresto di un cittadino statunitense di origine libiche di 66 anni, ritenuto responsabile della circoncisione sui due fratellini nigeriani a Monterotondo che ha causato la morte di uno e il grave ferimento dell'altro. Nei suoi confronti i pm contestano i reati di omicidio preterintenzionale, lesioni gravissime ed esercizio abusivo della professione medica.

Circoncisione, Amsi: 35% praticate clandestinamente



Secondo una prima ricostruzione la pratica è stata eseguita prima su un bimbo e poi sull'altro: quando le condizioni dei due sono apparse gravi è scattato l'allarme ed è stato allertato il 118. Per uno dei due bimbi però non c'è stato nulla da fare perchè aveva già perso molto sangue.

Il capo della Procura di Tivoli, Francesco Menditto, ha voluto al lavoro sul caso due pm: quello di turno e uno che si occupa di violenze di genere e contro i minori. Al momento non sono state decise misure restrittive ma al vaglio degli inquirenti c'è la posizione del sedicente medico che avrebbe eseguito la pratica sui due bambini. 



La donna, come riferiscono fonti a Leggo, era molto premurosa con i figli. Era seguita e non aveva dato alcun sentore di nulla. Spesso la casa veniva visitata dagli assistenti e dalla stessa Formica. Il presunto medico americano/libanese l'operazione l'ha fatta ieri sera. Stamane hanno trovato un bimbo già morto. La madre è scesa ed ha chiesto aiuto. La Volante è arrivata dopo la comunicazione del posto di polizia del S. Andrea dove è stato trasportato l'altro bambino. 

«Abbiamo appreso con sgomento della morte di un bambino e delle gravi condizioni del gemello a Monterotondo - dichiara l'Arci Roma - Si tratta di due bambini ospiti in un centro d’accoglienza che l’arci gestisce con il Comune di Monterotondo dal 2009. È una tragedia che lascia senza parole! Attendiamo con ansia dai medici notizie del secondo bambino. Aspettiamo che gli inquirenti accertino la verità L’Arci intende, laddove fossero accertate responsabilità di persone che hanno provocato la morte del bambino, costituirsi parte civile».

Sono 9 gli appartamenti che l'Arci di Roma gestisce con il Comune a Monterotondo. Usufruiscono dell'accoglienza esclusivamente donne vulnerabili con eventuali bambini: una trentina i posti disponibili. Le beneficiarie vivono in piena autonomia nelle case. È permesso ricevere visite tra le 8 di mattina e le 20, ma solo con l'autorizzazione degli operatori. Non sono invece ammesse visite nelle ore notturne. Gli operatori hanno pieno accesso agli appartamenti e vi si recano periodicamente per controlli. Nell'ambito del progetto le beneficiarie fruiscono di tirocini professionali, corsi di formazione, corsi d'italiano, nonché di scuole ed asili per i bambini.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Dicembre 2018, 10:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA