Elezioni sindaco di Roma, Gualtieri: «Parteciperò alle primarie del centrosinistra del 20 giugno»

Elezioni sindaco di Roma, Gualtieri: «Parteciperò alle primarie del centrosinistra del 20 giugno»

Roberto Gualtieri rompe gli indugi. Dopo settimane di incertezza, l'ex ministro dell'economia ufficializza su Twitter la sua candidatura alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato a sindaco di Roma. Per giorni si era parlato di una candidatura di Nicola Zingaretti al Campidoglio, eventulità che ora - ovviamente - pare svanita. 

 

 

IL SOSTEGNO DI LETTA

 

A sostenere la decisione di Roberto Gualtieri, arriva il segretario Dem che retwittando "la discesa in campo" di Gualtieri, con varie emoticons lo incoraggio in questa nuova difficile impresa.

 

CONTE CONFERMA: VIRGINIA  RAGGI CANDIDATA M5S A ROMA

 

Proprio pochi minuti prima del tweet di Roberto Gualtieri, il M5S aveva confermato Virginia Raggi come candidata del Movimento 5 Stelle a Roma. A farlo era stato proprio l'ex Presidente del consiglio Conte parlando con La Stampa: «Il Movimento 5 stelle su Roma ha un ottimo candidato: si chiama Virginia Raggi, il sindaco uscente». 

«Il Movimento l'appoggia in maniera compatta e convinta, a tutti i livelli - aggiunge -. Virginia sta dando un nuovo volto alla città e dopo una fase iniziale in cui la sua amministrazione ha dovuto dare segni di discontinuità con le gestioni del passato e ha dovuto tanto seminare, da un pò di tempo si iniziano a vedere i chiari frutti di questo intenso lavoro e i romani se ne stanno rendendo conto ogni giorno di più».

 

M5S CONTRO LA CANDIDATURA DI ZINGARETTI

Sempre nel primo pomeriggio c'era stata una dura presa di posizione del M5S, con Roberta Lombardi, contro l'ipotesi di una discesa in campo di Nicola Zingaretti nella sfida del Campidoglio: «sarebbe un paradosso», il commento. 

 

LA NOTA DEL M5S CONTRO ZINGARETTI CANDIDATO SINDACO

Con la candidatura di Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco per le elezioni amministrative del 2021 su Roma ci sarebbero ripercussioni sull'alleanza Pd- M5s alla Regione Lazio. «Non possiamo ignorare che la situazione che si verrebbe a creare (uniti in Regione e avversari a Roma con Zingaretti come candidato e presidente) sfiorerebbe il paradosso».

 

Lo affermano in una nota le esponenti del M5s, componenti della giunta regionale del Lazio, Roberta Lombardi e Valentina Corrado, a seguito delle indiscrezioni che vorrebbero il governatore Nicola Zingaretti sempre più vicino a una candidatura a sindaco di Roma attraverso le primarie del centrosinistra. «L'opinione pubblica guarderebbe alla situazione di Roma e del Lazio smarrita nei giochi politici - aggiungono -. Noi però non facciamo giochi politici. Noi siamo leali. Abbiamo accettato l'incarico di assessore per dare il nostro contributo alla Regione Lazio, cosa che stiamo facendo con tutto l'impegno e le energie per realizzare i punti del patto di fine legislatura. Il nostro impegno fin dal primo giorno in giunta ha sempre perseguito questo obiettivo. Il nostro attaccamento non è ad una poltrona ma al lavoro per il bene del Lazio e del M5s. Per questo motivo diciamo che è giusto che il Pd faccia le sue scelte per il candidato sindaco a Roma, ma ci auguriamo che queste scelte tengano conto del lavoro e dei progetti comuni che stiamo realizzando in regione e, quindi, non contemplino soluzioni che avrebbero, inevitabilmente, ripercussioni sulla tenuta dell'attuale maggioranza regionale e su scenari di future alleanze nel Lazio».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 10 Maggio 2021, 08:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA