Colata di catrame copre i sampietrini sul Lungotevere, anche Salvini contro la Raggi. La risposta del Sindaco
di Danilo Barbagallo

Colata di catrame copre i sampietrini sul Lungotevere, anche Salvini contro la Raggi. La risposta del Sindaco

Bufera a Roma per il Lungotevere ricoperto da una lunga colata di catrame. Nella capitale è sdegno collettivo per la passeggiata coperta di bitume. 

Oggi anche Matteo Salvini contro Virginia Raggi. Matteo Salvini da Twitter ha duramente criticato Virginia Raggi, sindaco di Roma, per i lavori sulla pista ciclabile all’altezza del lungotevere, dove lo storico mattonato è stato ricoperto da uno strato di catrame nero.

 

 

Leggi anche > Roma, incendio doloso al ristorante Portobello. Virginia Raggi incontra il proprietario

 

 

 

 

Matteo Salvini si unisce alla polemica collettiva (era intervenuto anche Carlo Calenda contestando l'intervento sui social) per la realizzazione della pista ciclabile a Roma, in particolare nel tratto della banchina del lungotevere. Il leader della Lega su Twitter ha postato alcuni scatti dei lavori, dove si vedono alcuni operai che appunto stendono una striscia di asfalto nero che va coprire lo storico pavimento di sampietrini. Salvini ha commentato i lavoro in modo impietoso, chiamando in causa direttamente Virginia Raggi, sindaco della Capitale: “Ennesimo oltraggio della Raggi ai romani – ha scritto sul social -  stavolta lungo il Tevere. Ma si può?!?”, con i follower che hanno confermato l’impressione negativa sui lavori svolti.

 

L’opera, poco apprezzata, fa parte di un’iniziativa dell’amministrazione per far diventare Roma una città a misura di bicicletta, con un Piano straordinario che prevede la realizzazione di circa 150 km di percorsi ciclabili.

 

«Dalle ricette di cucina al meteo, dall’Ilva agli spazzolini da denti fino alle piste ciclabili, Calenda è entrato nel club degli “espertoni” — scrive l’assessore ai Trasporti Calabrese — . La verità è che gli unici cantieri che ha visto in 20 anni a questa parte, sono quelli realizzati dalla sindaca Raggi. Il suo è solo un maldestro tentativo che lo mostra per quello che è in realtà: un perfetto incapace. A cantiere finito sulla ciclabile del Tevere, Calenda avrà il coraggio di pubblicare una foto come questa? (una ciclabile appena riqualificata ndr)».

 

«I lavori per la riqualificazione della pista ciclabile sul Lungotevere tra Ponte Risorgimento e Ponte Marconi sono attualmente in corso. E come tutti i cantieri è necessario attendere il completamento degli interventi, compresa l'apposizione della nuova segnaletica orizzontale e verticale». Così in un post su Facebook l'assessora capitolina alle Infrastrutture Linda Meleo. «Dare giudizi prima della fine dei lavori è prematuro e fuorviante per i cittadini, soprattutto per i ciclisti che la utilizzeranno, una manutenzione che non veniva eseguita da oltre 15 anni». «Carlo Calenda dovrebbe tacere e smettere di parlare di cantieri, opere infrastrutturali e lavori nella città sostituendosi ai tecnici. Ormai è diventato un tuttologo: parla a sproposito di qualsiasi cosa. E il bello che non ci prende mai».

 

La risposta di Virginia Raggi: «Ci tocca spiegarti tutto»

 

 

 

 

Virginia Raggi ha comunque risposto alle critiche di Matteo Salvini. Il Sindaco di Roma ha commentato il tweet del leader della Lega: "Come sempre - ha scritto sul social - parli senza sapere nulla. Non si tratta di nuova colata d’asfalto sui sanpietrini ma del rifacimento del vecchio manto che risale a più di 15 anni fa. Ora rifaremo anche la segnaletica. Ci tocca spiegarti tutto".


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Aprile 2021, 23:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA