Scuola, allarme rientro: dopo la fuga al sud rischio defezioni tra professori e bidelli
di Lorena Loiacono

Scuola, allarme rientri: dopo la fuga al sud rischio defezioni tra professori e bidelli

Non tutti rientreranno in classe domani. Le scuole sono in allerta, infatti, per le possibili assenze che potrebbero verificarsi tra docenti e bidelli fuori sede, quelli cioè che hanno la famiglia di origine fuori regione, spesso al Sud. E in Lombardia, prima fra tutti Milano, sono migliaia. Molti pendolari infatti, durante il lungo periodo di didattica a distanza, hanno deciso di tornare a casa. Alla dad ha fatto subito seguito la pausa per le festività pasquali. Ma ora dovrebbero rientrare in classe solo per tre giorni tra domani e domenica.

 


Il rischio che i fuori sede si possano assentare è alto e decisamente concreto. La settimana scorsa è accaduto nel Lazio, dove le lezioni sono riprese solo per due giorni, il 30 e il 31 marzo, schiacciati tra la zona rossa e le vacanze: molti istituti hanno dovuto fare fronte a una media di 20 defezioni tra insegnanti e bidelli, con l'arrivo di richieste di permessi e certificati medici. E senza poterli sostituire visto che i supplenti sono introvabili. Risultato? Orari ridotti e lezioni perse, visto che con le regole anti-Covid non è possibile accorpare le classi.


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Aprile 2021, 12:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA