Nega l'affitto a ragazza del sud, la signora si pente: «Non sono razzista, ho chiesto scusa». La compagna di Deborah: «Non le credo»
di Simone Pierini

Nega l'affitto a ragazza del sud, la signora si pente: «Non sono razzista, ho chiesto scusa». La compagna di Deborah: «Non le credo»

La donna che ha negato l'affitto di una casa nel milanese a una ragazza foggiana, Deborah Prencipe, ha affidato la sua risposta a La Zanzara su Radio24. «Non sono razzista - ha detto la signora Patrizia durante la trasmissione di Giuseppe Cruciani - Non sono di Salvini, non sono di nessuno, mi ha fatto talmente sbroccare che non so neanche io perché mi è partito di dirle così. Ho anche parenti meridionali, non so come mi è uscito, il cervello mi è partito. Cosa devo fare? Buttarmi nel Naviglio? Mi devo sparare?».

Leggi anche > Niente affitto per una foggiana a Milano: «Meridionali, neri e rom sono tutti uguali, sono razzista 100%»



La donna ha detto di aver cambiato idea sull'affitto perché ha deciso piuttosto di vendere la casa: «Le ho anche chiesto scusa», ha sottolineato dicendosi disposta a ripensarci e ad affittarle l'appartamento. «Ma lei non mi ha più risposto - ha concluso - Le ho perfino chiesto di incontrarci, sono disposta a chiedere scusa»

«Noi non vogliamo fare politica, noi abbiamo raccontato un fatto - ha controreplicata Laura Ortolani, la compagna di Deborah Prencipe che aveva denunciato il fatto - Noi personalmente crediamo che sia solamente una mossa strategica. Non si aspettava tutto questo clamore. Noi abbiamo gli audio. Noi adesso ci stiamo muovendo con il nostro legale per capire. Non finirà tutto a tarallucci e vino».

«Assolutamente non siamo più interessati alla sua casa. Ci mancherebbe altro
- aggiunge rispondendo alla proposta di dietrofront della signora Patrizia - È passato un giorno. Se la signora si fosse pentita se ne poteva accorgersene prima non dopo con la stampa fuori casa. Ogni persona deve avere la responsabilità di ciò che dice. Io non ho nominato Salvini, lo ha fatto lei. Avrei avuto piacere di contattare Salvini per sapere se si fosse dissociato da tutto questo».  
 
 
Venerdì 13 Settembre 2019, 21:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA