Milano in zona arancione, ma la metro è sempre piena. Atm: «In servizio blocco accessi automatico» FOTO
di Domenico Zurlo

Milano in zona arancione, ma la metro è sempre piena. Atm: «In servizio blocco accessi automatico» FOTO

Mentre la Lombardia è in zona arancione, con diverse zone e comuni in "arancione rafforzato" per via del proliferare delle varianti del Covid più contagiose, nella metro di Milano si continua a viaggiare stretti come sardine. Un paradosso che va avanti da mesi: già all'inizio della seconda ondata, lo scorso ottobre, in tanti si erano chiesti se fosse il caso di ricorrere a lockdown e scuole chiuse se sui mezzi pubblici si continuava poi a viaggiare senza alcun distanziamento sociale.

 

E anche adesso (la foto che vi mostriamo è di oggi) non sembra essere cambiato molto: siamo a Milano, linea gialla, fermata Corvetto. La denuncia arriva da una nostra lettrice, secondo cui le corse della metropolitana, anziché aumentare, sembrano addirittura diminuite. E allora, a più di un anno dall'inizio della pandemia (e a pochi giorni dal primo anniversario del lockdown di marzo), com'è possibile che sui trasporti si sia fatto così poco?

 

 

Atm precisa che su tutta la rete metropolitana di Milano è attivo un sistema di conteggio automatico dei passeggeri ai tornelli che interviene con il momentaneo blocco degli stessi qualora venga raggiunta la capienza massima consentita, oggi imposta al 50%, come previsto dal vigente DPCM. Ricordiamo inoltre che il 50% della capienza dei mezzi pubblici (circa 2/3 persone al mq) non prevede il distanziamento di un metro pertanto i mezzi non possono risultare vuoti. Inoltre precisiamo che Atm ha messo in atto già da tempo un importante potenziamento del servizio su tutta la rete: nello specifico in metropolitana è stato implementato il massimo numero di treni consentiti dalla capacità tecnica dei sistemi di sicurezza che porta ad avere una frequenza dei treni ogni 2-3 minuti.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 2 Marzo 2021, 18:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA