Coronavirus, Fontana spiega il picco in Lombardia: «Facciamo tamponi anche a chi ha un solo sintomo»

Coronavirus, Fontana spiega il picco in Lombardia: «Facciamo tamponi anche a chi ha un solo sintomo»

Emergenza coronavirus, questa mattina il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha parlato a Mattino Cinque, soprattutto dell'argomento tamponi e dell'aumento di contagi registrato ieri nella sua regione. «Noi rispettiamo le regole che ci sono state dettate dall'Iss che con una delibera del proprio comitato tecnico-scientifico del 27 febbraio ci ha detto che noi dovevamo fare i tamponi solamente ai sintomatici», ha spiegato Fontana.

Leggi anche > Spallanzani: «202 ricoverati, 25 con supporto respiratorio». Trend in diminuzione

«In un primo momento dovevano essere plurisintomatici, avere due sui tre classici sintomi, adesso basta anche essere monosintomatico. Negli ultimi giorni anche chi ha un solo sintomo, o febbre o raffreddore o tosse, può essere sottoposto a tamponatura», ha detto spiegando il picco di ieri. «Vedendo i dati e tenuto conto che la nostra capacità media giornaliera massima è di 5 mila, visto che ieri eravamo a 6 mila evidentemente qualche laboratorio era in arretrato» con l'elaborazione dei test, ha sottolineato Fontana.



"CI SERVONO MASCHERINE" «Noi abbiamo una necessità spasmodica di mascherine perché purtroppo è la cosa di cui si lamentano giustamente tutti. Anche la nostra medicina territoriale è tutta bloccata dal fatto che i medici senza presidi non vanno a visitare e hanno ragione. Ma noi ne abbiamo altrettanta perché purtroppo nessuno ci ha fornito le mascherine e noi stiamo cercando di recuperarle», ha aggiunto Fontana. «Noi cerchiamo di superare le burocrazia - si è sfogato Fontana - purtroppo siamo in una situazione davvero difficile perché facciamo un lavoro che non dovremmo fare noi. L' approvvigionamento di mascherine, dei camici, dei presidi non è compito nostro in emergenza, ma al di là di questo, vista la situazione difficile, lo stiamo facendo. Il problema è che su 100 persone che si offrono 95 stanno cercando di truffarci. All'inizio erano quasi riusciti a truffarci e all'ultimo momento siamo riusciti a recuperare i soldi».
Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Marzo 2020, 13:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA