Ultrà della Paganese aggrediscono con bastoni e mazze gli automobilisti sul raccordo Avellino-Salerno. Bambini terrorizzati

Un automobilista che ha tentato di protestare è stato strattonato e minacciato

Video
di

Momenti di terrore sul raccordo autostradale Avellino-Salerno dove una ventina di tifosi della Paganese, reduci dalla sconfitta per 3-0 con l'Avellino, nella gara valida per il campionato di Serie C, girone B, si sono resi protagonisti di atti di vandalismo e aggressioni nei confronti degli automobilisti in transito. Gli ultras azzurro-stellati hanno fatto fermare il pulmino su cui viaggiavano tra Solofra e Montoro, bloccando la circolazione verso Salerno, sembra per assaltare due auto di alcuni tifosi dell'Avellino di ritorno a casa nella loro residenza di Montoro.

 

 

 

Leggi anche - Maltempo Sicilia, allerta rossa: danneggiato ponte San Giuliano a Catania, allagamenti a Pantelleria

 

Secondo le prime testimonianze, hanno preso di mira con bastoni e mazze le automobili rimaste bloccate. Un automobilista che ha tentato di protestare è stato strattonato e minacciato e le chiavi della sua macchina sono state prelevate dagli aggressori e gettate nei terreni che costeggiano la strada. Molta paura anche per i bambini bloccati nelle auto con i genitori. Sul posto sono intervenute le forze di Polizia. Una persona è rimasta ferita.

 

 Sgomento e rabbia, dunque, per centinaia di persone, tra cui molti bambini, bloccate sul raccordo da una decina di teppisti che con spranghe e bastoni hanno vandalizzato numerose auto e strattonato e minacciato diversi automobilisti che si sono ribellati. Gli ultras della Paganese viaggiavano a bordo di un pulmino. Tra gli svincoli di Solofra e Montoro, in direzione Salerno, hanno costretto l'autista a bloccare il mezzo al centro della carreggiata. Si è così formata una fila chilometrica. Il raid dei teppisti è durato quasi mezzora. Molte le auto danneggiate. Gli agenti della Polstrada e della Questura di Avellino stanno indagando, in collaborazione con i colleghi di Salerno, per identificare i responsabili. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Ottobre 2021, 09:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA