Stuprata dal branco a 13 anni, costretta a emigrare al Nord. Il papà: «Tutto il paese contro di me»

Stuprata dal branco a 13 anni, costretta a emigrare al Nord. Il papà: «Tutto il paese contro di me»

Quando era una ragazzina, a 13 anni, era stata violentata dal branco: abusi ripetuti, andati avanti per due anni. Ma l’incubo, per questa ragazza, non era ancora finito: diversi anni dopo infatti, dopo le condanne ai danni dei cinque aguzzini, la giovane è stata praticamente costretta ad emigrare da Melito di Porto Salvo, in Calabria, al Nord, insieme a suo padre.

Leggi anche > Bimbi maltrattati, la maestra faceva sesso nella stanza a fianco

Dopo aver denunciato i suoi stupratori infatti, la ragazzina e la sua famiglia hanno iniziato a ricevere avvertimenti di un certo tipo, con il paese che è sembrato rivoltarsi contro le vittime anziché contro i colpevoli. È stato proprio il papà a raccontarlo in un’intervista al quotidiano La Stampa: «Sono andato dal padre di uno di loro, che aveva 17 anni all’epoca: mi ha detto che mia figlia si era fatta una brutta nomina in paese. Altri mi dissero che non dovevo denunciare. Era come se mia figlia si fosse meritata quella violenza».

Leggi anche > Ballerina uccisa, la confessione choc: «Volevo ammazzare qualcuno»

I cinque condannati in primo grado, con pene dai 6 ai 9 anni di carcere, sono Davide Schimizzi, fratello di un poliziotto, Michele Nucera, Lorenzo Tripoli, Antonio Virduci, figlio di un maresciallo dell’esercito, e Giovanni Iamonte, che sarebbe rampollo di un esponente della ‘ndrangheta. I cinque andavano a prendere la ragazzina da scuola, si appartavano con lei e la violentavano. Il padre si accorse di tutto leggendo per caso la brutta copia di un tema che aveva lasciato a casa.

Dopo la denuncia sono arrivate le condanne, ma a scappare, ora che i cinque giovani condannati sono in libertà in attesa del processo d’appello, sono stati la vittima e suo papà. Aiutati dall’associazione Libera, ora vivono al Nord. «Ho dovuto lasciare quello che avevo di più caro a Melito. Noi siamo qua, quei ragazzi invece sono stati scarcerati», le amare parole di un padre ferito. La ragazza intanto è cresciuta e si è diplomata in una scuola professionale, ha nuovi amici e sogna di diventare una truccatrice: l’incubo per lei, almeno apparentemente, lontana dai suoi aguzzini, è finito.
Venerdì 6 Dicembre 2019, 12:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA