Trovato Sasha, scomparso da 10 giorni nel padovano: «Chiedeva l'elemosina in stazione a Roma»

Trovato Sasha, scomparso da 10 giorni nel padovano: «Chiedeva l'elemosina in stazione a Roma»

È stato trovato stasera a Roma, alla stazione Termini, Sasha Gianluigi Abbracciavento, il 28enne pasticcere scomparso 10 giorni fa dal padovano. È stato riconosciuto da un passante, che lo ha notato mentre chiedeva l'elemosina, ed ha subito avvertito il 113. Lo si apprende dalla Questura di Padova.

Dov'è finito Sasha, scomparso a 28 anni? Quei bonifici misteriosi e l'adesione ad una chiesa

Sulla sorte del giovane c'era forte preoccupazione: la sua autovettura era stata trovata abbandonata, con gli sportelli aperti, nei pressi del fiume Brenta, in provincia di Padova. Sasha, inoltre, non aveva mai risposto ai messaggi che il titolare della pasticceria in cui lavorava, a Vicenza, gli aveva mandato sul telefono per avere sue notizie. Sul caso gravava poi apprensione anche per il fatto che il giovane era entrato in una sorta di fase mistica, dopo aver aveva abbracciato di recente una nuova confessione religiosa.

Le ricerche erano iniziate sulla scorta della denuncia di scomparsa presentata dai genitori, che vivono a Padova. Raggiunto questa sera da una volante della polizia alla stazione Termini, Abbracciavento è stato portato in centrale e sottoposto a fotosegnalazione. Da lì poi la certezza che si trattava del 28enne scomparso. La polizia ha già avvisato del ritrovamento i genitori di Sasha.


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Giugno 2022, 13:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA