Ristoranti, si riapre il 18 maggio: distanziati a tavola, prenotazione, gel igienizzante e mascherine TUTTE LE REGOLE

I ristoranti riaprono il 18 maggio prossimo in molte zone d'Italia. Sono state messe a punto le modalità da parte del Governo. A cominciare dalla prenotazione obbligatoria ormai di fatto sicura per gestire meglio la presenza dei clienti nel locale. I tavoli, possibilmente all'aperto nel periodo estivo e obbligatoriamente dotati di gel igienizzanti, devono avere una distanza tra loro che potrebbe superare i due metri e c'è l'obbligo di mascherina per andare in bagno o alla cassa. Obbligo di mascherina per camerieri e poi c'è il tema delle posate: forse saranno obbligatorie come nelle mense quelle di plastica usa e getta. Così come i bicchieri.

Per le spiagge
invece i colloqui in corso e dovrebbero portare a una distanza fra ombrelloni di 3,5 metri. Qui ogni regione spinge per una riapertura anticipata e secondo regole differenziate, in base anche alla morfologia del territorio e del tipo di spiaggia.


Dopo due mesi riapre il McDonald's, code di auto per chilometri al fast food
 
 

Sulle tavole ci saranno piccoli flaconcini di gel igienizzante oppure salviette monouso per poter disinfettare le mani dopo aver sfogliato i menù laddove gli esercenti non provvedano tutti a crearne di virtuali, consultabili sullo smartphone. I camerieri indosseranno le mascherine o le visiere mentre le barriere in plexiglass - al momento non obbligatorie - saranno usate solo in quei casi in cui il distanziamento tra commensali deve essere maggiormente garantito perché a una tavola non siede una famiglia o una coppia di coniugi o fidanzati ma una comitiva di amici.

BOLZANO ANTICIPA TUTTI
Il Consiglio provinciale di Bolzano ha approvato in seduta notturna con 28 sì, un no e sei astensioni la legge che accelera la Fase 2 in Alto Adige. Domani potranno perciò aprire i negozi, mentre lunedì tocca a parrucchieri, bar, ristoranti e musei. «La crisi - ha detto il governatore Arno Kompatscher - è stata una grande sfida per tante categorie, dalle famiglie alle imprese, e le prossime settimane saranno comunque difficili. La legge forse delude alcune aspettative, ma è stato giusto proseguire insieme su questa strada».

Ultimo aggiornamento: Sabato 9 Maggio 2020, 09:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA