Palestre, bar, parrucchieri, spiagge: linee guida per riaprire (a un metro di distanza) Nuovo documento

Palestre, bar, parrucchieri, spiagge: linee guida per riaprire (a 1 metro di distanza)

Riaperture di negozi, bar e ristoranti, e poi palestre e piscine, spiagge, musei e biblioteche. Ma non solo. Le prime riaperture da lunedì 18 maggio, poi via via gli altri. Sono molti i settori di attività che si avviano alla riapertura, e per ognuno è stata realizzata una scheda tecnica finalizzata a fornire uno strumento sintetico e immediato di applicazione delle misure di prevenzione e contenimento dei contagi da coronavirus di carattere generale, linee guida nelle quali le Regioni potranno muoversi per sostenere un modello di ripresa delle attività economiche e produttive compatibile con la tutela della salute di utenti e lavoratori.

Le schede tecniche raccolgono il protocollo condiviso tra le parti sociali approvato dal dpcm del 26 aprile 2020, nonché con i criteri guida generali di cui ai documenti tecnici prodotti da Inail e Istituto Superiore di Sanità (Iss): il principale obiettivo rimane la riduzione del rischio di contagio per i singoli e per la collettività in tutti i settori produttivi ed economici. 

SCARICA LE LINEE GUIDA





 

In base all’evoluzione dello scenario epidemiologico, tuttavia, queste misure indicate nelle schede tecniche per i singoli settori di attività potranno essere rimodulate, anche in senso più restrittivo.

 

LE SCHEDE TECNICHE:




RISTORAZIONE ATTIVITÀ TURISTICHE (balneazione)

STRUTTURE RICETTIVE SERVIZI ALLA PERSONA (parrucchieri ed estetisti)

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE (mercati, fiere e mercatini degli hobbisti)

UFFICI APERTI AL PUBBLICO

SERVIZI PER INFANZIA E ADOLESCENZA

PISCINE PALESTRE

MANUTENZIONE DEL VERDE

MUSEI, ARCHIVI E BIBLIOTECHE

Tutte le indicazioni riportate nelle singole schede tematiche devono intendersi come integrazioni alle raccomandazioni di distanziamento sociale e igienico-comportamentali finalizzate a contrastare la diffusione di SARS-CoV-2 in tutti i contesti di vita sociale. Per tutte le procedure di pulizia, disinfezione e sanificazione, di aerazione degli ambienti e di gestione dei rifiuti si rimanda alle indicazioni contenute rispettivamente: nel Rapporto ISS COVID-19 n. 19/2020 “Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico chirurgici e biocidi”, nel Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020 “Indicazioni ad interim per la prevenzione e gestione degli ambienti indoor in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”, e nel Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2020 “Indicazione ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”, e nel Rapporto ISS COVID-19 n. 21/2020 “Guida per la prevenzione della contaminazione da Legionella negli impianti idrici di strutture turistico-ricettive e altri edifici ad uso civile e industriale non utilizzato durante la pandemia COVID-19”.


 
 
 
 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Maggio 2020, 20:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA