Moglie all'ottavo mese di gravidanza si rifiuta di portare secchi da 10 chili, il marito la riempie di botte: «Ti metto in una buca»

La donna, dopo le minacce di morte, ha chiamato il 112. L'uomo voleva che l'aiutasse a portare secchi da 10 chili

Moglie all'ottavo mese di gravidanza si rifiuta di portare secchi da 10 chili, il marito la riempie di botte: «Ti metto in una buca»

di Redazione web

Avrebbe picchiato sua moglie all'ottavo mese di gravidanza. A Bologna i carabinieri hanno arrestato un uomo di 34 anni, di origine moldava, che vive nel capoluogo bolognese, all'interno di una roulotte posizionata nel quartiere San Donato-San Vitale. A far scattare le manette, una chiamata al 112, alle due di notte del 6 dicembre quando la vittima delle violenze, ha trovato la forza ed il coraggio di denunciare il marito, dopo l'ennesimo pestaggio.

Mamma scuote con violenza il figlio neonato, provocandone la morte: condannata a 7 anni. «Ha agito per stanchezza»

Minacce e violenza

L'uomo, infatti, l'aveva maltrattata e minacciata di ucciderla, nonostante in grembo portasse un bimbo all'ultimo mese di gravidanza. Al loro arrivo la donna, visibilmente spaventata, ha spiegato che il compagno dopo aver bevuto pesantemente, l'aveva schiaffeggiata e minacciata di morte: «Stasera ti preparo una buca, adesso ti faccio fuori», le ha detto il 34enne, alterato dall'alcol.

Chef Rubio denunciato da Liliana Segre per minacce online: «Per troppo tempo sono stata in silenzio»

 

Richiesta vergognosa

L'uomo si era arrabbiato perché si era rifiutata, viste le sue delicate condizioni, di portare secchi di vernice da 10 kg all'interno della roulotte. Ora il moldavo è in carcere a disposizione della Procura di Bologna.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Dicembre 2022, 11:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA