Rom ubriaco alla guida tamponò due donne a 125 km all'ora, morte sul colpo. Ora chiede sconto di pena

Il 25enne fu trovato ubriaco alla guida di una Bmw ed ora è accusato di duplice omicidio stradale, ma ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato

Rom ubriaco alla guida tamponò due donne a 125 km all'ora, morte sul colpo. Ora chiede sconto di pena

di Redazione web

Ha investito ed ucciso Mara Visentin e Miriam Cappelletto, perché stava guidando in stato di ubriachezza. Ora Ronnie Levacovic, il rom 25enne accusato di duplice omicidio stradale, ha chiesto il rito abbreviato, che gli consente di ottenere uno sconto di pena di un terzo, come prevede il codice penale. «In trenta secondi ho distrutto la mia vita e quella di due persone innocenti» ripete Ronnie, che la sera dell'incidente era alla guida di una Bmw con alcol nel sangue, di 1,05 grammi su litro.

Incidente tra 3 auto: due morti ed un ferito grave. «Delle vetture sono rimasti solo lamiere irriconoscibili»

A tutta velocità

In quelle condizioni l'uomo ha preso l'auto e schiacciato il piede sul pedale del gas, fino ad incrociare l'auto su cui viaggiavano le due donne, che ha tamponato a forte velocità, intorno ai 125 chilometri orari; purtroppo entrambe le vittime al momento dell'impatto non stavano indossando le cinture di sicurezza in modo corretto.

Operaio cade da un'impalcatura e resta paralizzato: il proprietario della ditta lo scarica davanti al Pronto soccorso e cerca di fuggire

Impatto fatale

Le cinture, infatti, erano inserite nell'alloggiamento, ma erano passate diero allo schienale, solo per non far suonare l'allarme dell'abitacolo che avvisa di allacciarle. Secondo la perizia della Procura di Treviso, Mara Visentin e Miriam Cappelletto sarebbero morte comunque per la violenza dell'impatto.


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Dicembre 2022, 09:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA