Manuel, il nuotatore ferito non si arrende: «Quando ho capito tutto mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»

Manuel Bortuzzo, il nuotatore rimasto paralizzato dopo che due malviventi gli hanno sparato a Roma, ha parlato del suo futuro in un'intervista sul Messaggero in edicola oggi a firma di Alessia Marani. Eccone uno stralcio:
 
 

«Di quella notte all’Axa «ricordo tutto, il proiettile che mi colpisce, il dolore, io che cado a terra. Quando ho capito quello che mi era successo e ciò che mi aspetterà, ho immaginato il mio futuro “diverso” e ho pensato subito a lei: a Bebe Vio, è lei la mia eroina». Manuel Bortuzzo stringe il telefonino che i genitori gli hanno riconsegnato e quando parla della campionessa paralimpica, la sua voce tradisce la commozione. Trema, per un attimo piange. Nella stanza della Terapia Intensiva dell’ospedale romano San Camillo, papà Franco e Paolo Barelli, presidente della Federnuoto, non lo lasciano per un attimo. Ieri mattina, i medici gli hanno suturato il drenaggio ai polmoni, la mamma gli ha fatto compagnia poi lo ha lasciato da solo per riposare. Manuel è indebolito per il carico di farmaci, ma lotta come un leone, su Instagram ha salutato gli amici: «Siete fantastici, siete ciò che mi faceva andare a dormire tranquillo la sera e ciò che mi faceva risvegliare con il sorriso». È sopravvissuto al folle agguato, ma non muove più le gambe....

E ancora, ripensando alle due persone che gli hanno sparato Manuel dice:
«Sinceramente, non me ne frega niente adesso. Voglio solo concentrarmi su me stesso, pensare ai miei amici, a migliorare la mia condizione. Non vedo l’ora di tornare a casa, anche se, mi sa, dovremo cambiarla: è a tre piani, non va più bene».
Ultimo aggiornamento: 15:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA