Rubata la lapide del piccolo Loris, Barbara D'Urso choc: «Di Veronica Panarello non mi frega...»

Video
di Emiliana Costa

Loris Stival e la lapide rubata. Un atto incredibile e senza cuore sarebbe avvenuto a Santa Croce di Camerina, in provincia di Ragusa. La lapide del piccolo Loris, posta vicino al canalone - dove era stato ritrovato il corpo del bimbo - sarebbe stata distrutta e rubata. Se ne parla a Pomeriggio 5. Barbara D'Urso è furiosa per il perfido oltraggio. E quando viene citata la mamma Veronica Panarello, in carcere per la morte del figlio, la conduttrice si lascia andare a un commento pungente.

Segregata, picchiata e appesa a testa in giù per 17 ore: «Il mio compagno non accettava i miei figli». La storia a Pomeriggio 5
Gessica Lattuca, iniziate le ricerche del corpo della ragazza. Perquisita l'abitazione di Filippo Russotto​

 

 

L'inviata di Pomeriggio 5 fa sapere che Veronica non sarebbe stata ancora avvertita dal suo avvocato dell'oltraggio alla lapide. Barbara D'Urso avrebbe commentato così: «Ora dirò una cosa impopolare. Ma a me della reazione a questa notizia di Veronica Panarello, in carcere per la morte di Loris, non frega niente. Mi dispiace per il papà Davide, nonno Franco e per il fratellino».



Ragazza di 17 anni malata di cancro insultata e picchiata da una compagna di classe: «Devi morire»

Sulla lapide distrutta, oltre alla foto del piccolo, ci sarebbe stata anche una frase voluta proprio da Veronica: «Colui che vive dentro di noi, non morirà mai». Nonno Franco avrebbe sporto denuncia contro ignoti per il furto della cornice e avrebbe fatto sapere che tra dieci giorni, due settimane al massimo, metterà un'altra cornice più bella. Per onorare la memoria del piccolo Loris.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 4 Ottobre 2018, 19:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA