Flavio Briatore, discoteche chiuse. Furia social: «Una follia. Imprese fallite e ragazzi senza controllo»

Video
di Danilo Barbagallo

Flavio Briatore interviene sulla recente decisione del governo di tenere chiuse le discoteche, nonostante l’introduzione del green pass. Con l’ultimo decreto infatti i locali notturni resteranno chiusi e Flavio Briatore, direttamente coinvolto con le sue attività, ha preso una dura posizione su Instagram.

 

Leggi anche > Vaccinazioni, “effetto Draghi": raddoppiate le prenotazioni

 

 

 

 

Flavio Briatore e la chiusura delle discoteche

 

 

Dal suo account Instagram Flavio Briatore ha criticato la decisone del governo di tenere chiusi i locali notturni, nonostante l’introduzione del green pass: «Tutti mi chiedono su Instagram – ha fatto sapere in un video - come mia non ho fatto commenti riguardo chiusura delle discoteche. Mah, non ho fatto commenti perché è una cosa assurda. Si era proposto di aver il green pass per chi entrava in discoteca, altrimenti il test molecolare qr code, per cui arrivavi con la tua applicazione, non capisco perché hanno deciso di chiudere».

 

La scelta provocherà molti problemi a livello economico: «Vuol dire che in Italia abbiamo 3mila aziende, 150mila addetti che non avranno il lavoro e più tutto quello che i locali generano: fornitori, chi ci vende alcolici, champagne. E’ una follia, potevamo avere le discoteche con un controllo di tranquillità, severo, invece diamo ai ragazzi un’altra batosta. Prima gli diciamo di vaccinarsi così possono andare in discoteca e poi gli diciamo che non possono. Dove andranno i ragazzi? Andranno dappertutto, sulle spiagge, siamo in estate, nelle case private, dove non ci sarà nessun controllo, per me è una cosa assurda, si dovevano aprire le discoteche in sicurezza».

 

Inutili per Flavio Briatore gli aiuti dello stato, data al bassa cifra stanziata: «Poi chi è vaccinato in Russia, America, Kiev non può entrare in Italia, ma chi a Parigi si, allora si decidano il vaccino serve o no, e il green pass? Comunque quella delle discoteche è assurda, i ragazzi invece di esser in un posto controllato con protocollo serio andranno in giro dappertutto, perché non pensate che andranno a dormire alle 10 di sera, per cui sarà un casino ma non c’è nessuno pratico che possa dire queste cose. Altre 3mila aziende che falliranno.. e poi si parla di recovery… con un cifra di 20milioni, che è il fatturato di due discoteche a Rimini… sono 3mila quindi prenderanno circa 500 euro ciascuno, una follia. E 150mila ragazzi quest’anno non lavoreranno. Continuiamo così, alé!»


Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Luglio 2021, 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA