Etna, allarme Ingv: «Dalle faglie esce radon, gas cancerogeno tra i più pericolosi»

Per tre anni l'istituto nazionale di vulcanologia ha monitorato i dati di 12 sensori in 7 edifici sulle pendici meridionali e orientali dell'Etna: a Giarre, Zafferana Etnea, Aci Catena, Aci Castello e Paternò e i dati sono allarmanti. Oltre a generare terremoti e fratturazioni del suolo, le faglie del vulcano emanano radon, gas cancerogeno che l'Oms valuta tra i più pericolosi per l'uomo, che può accumularsi nelle case. È quanto emerge da uno studio dell'Ingv pubblicato su Frontiers in Public Health.

Terremoto fortissimo, scossa 7.7 di magnitudo: è allerta tsunami
 
I sensori hanno rilevato concentrazioni medie annue spesso superiori a 100 Bq/m3 (Bequerel per metro cubo), valore di primo livello di attenzione per esposizione media annuale raccomandato dall'Oms. In alcuni casi, tale concentrazione media è risultata maggiore di 300 Bq/m3, con punte superiori a 1.000 Bq/m3. Lo studio documenta che la concentrazione è più alta nella case più vicine alle faglie. Per il potenziale problema alla salute l'Ingv ritiene «opportuno e utile approfondire ed estendere il monitoraggio» a un numero di gran lunga maggiore di case.
Martedì 14 Maggio 2019, 17:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA