Denise Pipitone, la mamma Piera Maggio contro Quarto Grado scrive a Gianluigi Nuzzi: «Vergognoso»
di Silvia Natella

Denise Pipitone, la mamma Piera Maggio contro Quarto Grado scrive a Gianluigi Nuzzi: «Vergognoso»

Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, ha scritto al conduttore di Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi, per esprimere il suo sdegno verso quello che è stato detto ieri in trasmissione. Ha poi condiviso la sua opinione e lo screenshot del messaggio su Whatsapp sul suo profilo Facebook. La donna ha sempre invitato alla prudenza e al rispetto in televisione. Speranze disattese soprattutto dall'ultima puntata andata in onda ieri sera. 

 

Leggi anche > Denise Pipitone, l'ex pm Angioni a Quarto Grado: «L'hanno sistemata perché stia bene, ecco come l'ho trovata»

 

Denise Pipitone, Piera Maggio contro Quarto Grado

Nel post sui social a corredo dello screenshot con il messaggio originale si legge: «Ho scritto adesso al signor Gianluigi Nuzzi. Vergognoso. Signor Nuzzi, ma a lei le pare onesto il comportamento schifoso usato nei miei confronti dal suo collega Abbate? E lei che lo fa parlare con tutta tranquillità. Ma come vi sentite a far denigrare una madre a cui le è stata rapita una bambina, cercando di giustificare la violenza. Ma cosa ne sapete di me, ma come vi permettete a giudicarmi e a farmi giudicare pubblicamente senza sapere».

 

 

Denise Pipitone, il messaggio a Gianluigi Nuzzi

«Ma secondo il suo parere di padre e di genitore - è la conclusione dello sfogo - se questo venisse fatto ad una persona a lei cara, lei lo accetterebbe? Tutto questo è di uno squallore vergognoso. Non sapete nulla realmente della mia vita e mi fate passare per una donna frivola, leggera e senza sentimenti. Vergogna no?».

 

Denise Pipitone, la puntata di Quarto Grado

Nel corso della puntata mandata in onda ieri il giornalista Abbate ha insistito sull'innocenza di Anna Corona, ex moglie di Pietro Pulizzi, papà biologico di Denise, e mamma di Jessica, la sorellastra assolta dall'accusa di sequestro di persona: «Abbiamo una supertestimone che la scagiona», ha riferito Abbate, alludendo a Francesca Adamo, la collega che il giorno della scomparsa della bambina avrebbe falsificato la firma o l'orario, ma non ricorda esattamente cosa. Il cronista, inoltre, si sarebbe soffermato sulle sofferenze di Jessica, costretta ad ascoltare le chiacchiere di paese sulla relazione extraconiugale del padre con Piera Maggio. È scoppiata la polemica, con gli utenti su Twitter che si sono scagliati contro chi ha parlato e lasciato parlare. «Avete superato il limite. Ora anche basta. Piera Maggio merita rispetto, qualsiasi errore possa aver fatto. Tu Carmelo Abbate non sei nessuno per attaccarla così. Non sai nulla e onestamente stai dimostrando di non valere nulla».

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Giugno 2021, 12:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA