Scopre di essere positivo al Covid e si uccide nella villetta a 54 anni. Sul portone il biglietto: «Non entrate, è contaminato»

Coronavirus, scopre di essere positivo e si uccide: aveva 54 anni. Sulla porta un biglietto: «Non entrate, è contaminato»

Choc a Villaguattera di Rubano, in provincia di Padova, dove un uomo di 54 anni si è soffocato con un sacchetto di cellophane in testa dopo aver scoperto di essere positivo al Coronavirus. Il fatto è accaduto sabato mattina ma è stato reso noto oggi. A dare l'allarme è stata la famiglia del fratello che abita nella villetta in fianco a quella dove si è consumata la tragedia. Davanti a casa, prima di accedere, i militari hanno trovato due foglietti con su scritto «Chiamate il 118, non entrate perché è contaminato».

Leggi anche > Coronavirus, Valeria trovata dal fratello morta in casa a 41 anni: «Da qualche giorno aveva tosse e febbre»

I militari della stazione di Rubano sono entrati insieme ai sanitari con tutte le precauzioni e in casa e hanno trovato l'uomo, titolare di una piccola impresa della zona, ormai esanime. Il pubblico ministero di turno dopo un primo esame del cadavere, ha restituito la salma alla famiglia per le esequie. «Sono affranta, mi dispiace che come comunità non riusciamo a intercettare queste profonde sofferenze» ha detto il sindaco di Rubano Sabrina Doni.

 
Ultimo aggiornamento: Domenica 29 Marzo 2020, 17:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA