Clotilde, 37 anni, il messaggio dalla terapia intensiva: «Proteggetevi, il Covid esiste: qui mi sento morire»

Clotilde, 37 anni, il messaggio dalla terapia intensiva: «Proteggetevi, il Covid esiste: qui mi sento morire»

Clotilde Armellini è un'agente di polizia penitenziaria, è giovane, ha 37 anni, non ha patologie pregresse, eppure è in terapia intensiva per il covid e lancia un messaggio. «Il Covid esiste e non è una malattia per vecchi, io sono giovane eppure eccomi qui». Clotilde dice questo mentre due infermieri dell'ospedale, dove è stata ricoverata dopo essere risultata positiva al coronavirus, le calano un casco per la respirazione assistita.

 

Leggi anche > Covid, l'immunologa Antonella Viola durissima contro il Dpcm: «Decisioni assurde, non credo avranno impatto sui contagi»

 

La donna, 37 anni, che vive a Pozzolo Formigaro, in provincia di Alessandria, ha registrato un video mentre l'operazione veniva effettuata, non senza difficoltà, dagli infermieri. Il filmato, che fa mancare l'aria solo a guardarlo, è immediatamente diventato virale sui social.

Cloltilde racconta dei sintomi, dei dolori, della malattia e di tutto quello che l’essere un paziente Covid comporta. «Non vedo mio marito da giorni, sta male anche lui, barricato dentro casa con i nostri due figli, anche loro positivi - dice - Vi auguro di non sapere mai cos’è la fame d’aria: è quando apri la bocca e inspiri ma non entra niente. Ti senti i polmoni chiusi come due sacchi rotti e boccheggi come un pesce rosso saltato sul pavimento».

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre 2020, 08:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA