Napoli, bimba annegata in piscina mentre «giocava a fare il morto con le amichette»

video
Stava giocando in acqua come fanno tutti i bambini della sua età Pasqualina D'Anna, l'undicenne morta ieri per annegamento nella piscina dell'Hotel Punta Quattro Venti a Ercolano (Napoli). «Giocavano alla morte nell'acqua - scrive Il Mattino, che riporta la testimonianza di una zia - ma Lina non si riprendeva più. I bambini hanno chiamato il bagnino. Non c'è stato nulla da fare. Siamo distrutti». La bimba era in piscina con la madre, che si è scoperto poi essere la nipote del boss Antonio Papale, ucciso nel 2007 ad Ercolano. Il padre, Alessandro D'Anna, 37 anni, è un pregiudicato ritenuto legato al clan Ascione-Papale e non era presente al momento dell'incidente.

LEGGI ANCHE Bambina di 11 anni annega in piscina dell'albergo a Ercolano: era in vacanza assieme ai genitori

La piccola - secondo quanto hanno ricostruito i Carabinieri del Nucleo investigativo di Torre Annunziata - stava giocando nella piscina più piccola del complesso alberghiero quando, per motivi non ancora accertati, è annegata. Sul posto è accorsa un'ambulanza del 118, che ha provato a rianimarla, ma inutilmente. I Carabinieri della tenenza di Ercolano e della Compagnia di Torre Annunziata hanno avviato le indagini. Il pm della Procura ha disposto il sequestro della salma.



Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Luglio 2020, 14:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA