Senatore nigeriano arrestato per traffico di minori: voleva far espiantare gli organi a un 15enne e rivenderli

Il politico è stato fermato insieme alla moglie, mentre la giovane vittima affidata ai servizi sociali

Senatore nigeriano arrestato per traffico di minori: voleva far espiantare gli organi a un 15enne e rivenderli

Accusato di traffico di organi. Il senatore nigeriano Ike Ekweremadu, di 60 anni, avrebbe portato un bambino dall'Africa al Regno Unito per fargli espiantare gli organi e poi rivenderli. L'uomo è stato arrestato dalla polizia londinese insieme alla moglie, Beatrice Nwanneka Ekweremadu, mentre il ragazzo di 15 anni è stato preso in custodia dai servizi sociali.

Leggi anche > Italiana arrestata a Zanzibar, buone notizie per Francesca e Simon: potranno uscire su cauzione

I due che sono di origini nigeriane ma che vivono a Londra, avrebbero favorito il trasferimento del ragazzo da parte di un'altra persona. La maggior parte dei presunti reati ha avuto luogo nel Regno Unito ma la corte ha sospeso il procedimento a causa di problemi di giurisdizione. La questione legale è dunque spinosa e per ora i coniugi sono stati quindi rinviati in custodia cautelare e dovranno comparire davanti allo stesso tribunale il 7 luglio.

La polizia di Londra ha spiegato che da tempo stava dietro a un giro di schiavitù di minori, fino a quando non è arrivata la soffiata che ha permesso loro di intervenire. Nessuno pensava però che nello scandalo potesse essere coinvolto un politico tanto conosciuto in Nigeria. Ekweremadu, nominato professore in visita presso l'Università di Lincoln, ha servito per tre mandati come vicepresidente del Senato nigeriano, dal 2007 al 2019 e come membro del Partito Democratico Popolare (PDP), oggi all'opposizione, è senatore dal 2003.


Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Giugno 2022, 18:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA