Morto Kobe Bryant, chi era la leggenda del basket Nba che aveva l'Italia nel cuore

Morto Kobe Bryant: leggenda del basket e dello sport mondiale. L'ex cestista, morto in un incidente di elicottero in California, è considerato uno dei più grandi giocatori della storia della Nba. Nato a Filadelfia nel 1978, all'età di 6 anni si trasferì in Italia per seguire il padre Joe Bryant, anche lui cestista professionista, che giocò a Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia.

Leggi anche > Morto Kobe Bryant, la leggenda Nba aveva 41 anni: è precipitato con il suo elicottero, a bordo almeno tre persone

 
 

Kobe parlava benissimo l'Italiano e aveva sempre nel cuore il nostro Paese al punto da dare nomi italiani ai suoi quattro figli: Gianna (morta con il papà in elicottero), Natalia, Bianca e la neonata Capri.

Leggi anche > Kobe Bryant, nell'incidente morta Alyssa Altobelli: compagna di squadra di Gianna Maria, era con la mamma e il papà

LA CARRIERA Bryant è stato il primo giocatore NBA a militare nella stessa squadra - i mitici Los Angeles Lakers - per 20 anni. Con la Nazionale statunitense ha partecipato ai FIBA Americas Championship 2007 e ai giochi olimpici di Pechino 2008 e di Londra 2012, vincendo la medaglia d'oro in tutte e tre le manifestazioni. Il 4 marzo 2018 ha vinto il Premio Oscar insieme al regista e animatore Glen Keane, nella categoria miglior cortometraggio d'animazione per Dear Basketball, che ha sceneggiato ispirandosi alla sua lettera di addio al basket.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29 Gennaio 2020, 08:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA