Infermiere violenta una 14enne nella corsa in ambulanza
di Alessia Strinati

Infermiere violenta una 14enne nella corsa in ambulanza

Aveva violentato una ragazza di 14 anni mentre la portava in ospedale in ambulanza, l'infermiere viene costretto a cambiare lavoro ma reitera nel reato con un'altra donna. Alexander Hughes, 33 anni, lavorava come infermiere di emergenza nella ambulanze. L'uomo nel 2014 fu accusato di aver violentato una ragazza minorenne mentre veniva condotta in ospedale e poi, non contento, l'avrebbe contattata su Facebook chiedendole di inviargli foto nuda.

Maltempo, aggiornamenti in diretta. A Roma Metro B interrotta e strage di alberi, tromba d'aria sradica ulivi in Puglia



L'infermiere fu allontanato dal posto di lavoro ma riuscì ad ottenerne un secondo, sempre come paramedico, in una discoteca, dove ha però ripetuto il reato. Huges ha abusato di una 18enne dopo aver nascosto ai suoi datori di lavoro le precedenti accuse di stupro. Oggi, a seguito di un'indagine congiunta tra Thames Valley Police e Avon e Somerset Police, il 33enne è stato condannato per violenza sessuale. Huges ha negato le violenze, ma le testimonianze delle sue vittime lo hanno incastrato in tribunale.

L'uomo è stato riconosciuto colpevole di entrambe i casi di violenza, considerato un predatore sessuale con l'aggravanti di aver approfittato di giovani ragazze in un momento di grande vulnerabilità come la malattia. Ora è in attesa di una sentenza che stabilisca la pena definitiva, come riporta anche il Sun
Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Ottobre 2018, 14:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA