Il fumo degli incendi in Siberia raggiunge il Polo Nord per la prima volta: l'allarme

Il fumo degli incendi in Siberia raggiunge il Polo Nord per la prima volta: l'allarme

Per la prima volta nella storia il fumo provocato dagli incendi che stanno devastando la Yakutia, la più vasta regione siberiana nota per le rigide temperature invernali, ha raggiunto il Polo Nord. Lo riporta il Moscow Times citando il sistema di monitoraggio terrestre della Nasa (Modis).

 

Leggi anche > Meteo, la settimana più torrida dell'estate: temperature sopra i 45 gradi (48 in Sicilia) Otto città da bollino rosso, 13 da arancione

 

«Questa settimana il fumo degli incendi ha viaggiato per più di 3.000 km (1.864 miglia) dalla Yakutia per raggiungere il Polo Nord, un'impresa che sembra essere la prima nella storia registrata», sostiene il Modis. Il fumo denso ha coperto vaste zone della Siberia prima di raggiungere il Polo Nord, scatenando evacuazioni, preoccupazioni per il deterioramento della qualità dell'aria.

 

Come riporta il Guardian, negli ultimi anni incendi boschivi hanno devastato la Siberia con crescente regolarità, che i funzionari meteorologici e gli ambientalisti russi hanno collegato al cambiamento climatico e a un servizio forestale insufficiente. Lunedì gli esperti del clima delle Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto che mostra inequivocabilmente che il riscaldamento globale si sta sviluppando più rapidamente di quanto temuto e che la colpa è quasi interamente dell'umanità. Una delle regioni più colpite della Siberia quest'anno è stata la Yakutia - la regione più grande e più fredda della Russia. Un'immagine diffusa dalla Nasa mostra il fumo raggiungere il Polo Nord.


Ultimo aggiornamento: Martedì 10 Agosto 2021, 09:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA