Elena, morta a Ibiza. La polizia chiude le indagini: «Il fidanzato l'ha spinta nel vuoto e poi si è ucciso»

Elena, morta a Ibiza. La polizia chiude le indagini: «Il fidanzato l'ha spinta nel vuoto e poi si è ucciso»

L'ipotesi più probabile alla fine è stata confermata dagli investigatori: Elena Livigni Gimenez, la 21enne italo-spagnola morta a Ibiza dopo essere precipitata dal balcone del suo hotel, è stata vittima di femminicidio. Il suo fidanzato, infatti, l'avrebbe spinta nel vuoto per poi suicidarsi.

 

Leggi anche > Elena, morta a Ibiza. Dopo l'autopsia resta l'ipotesi omicidio-suicidio

 

A darne notizia è il portale locale Diario de Ibiza. Dopo alcuni giorni di indagini, alla luce dei risultati dell'autopsia, la polizia spagnola ha confermato la pista dell'omicidio-suicidio, archiviando il caso. Kamil Archane, il 26enne fidanzato di Elena, di origini marocchine, prima l'avrebbe spinta dal balcone al quarto piano dell'hotel di Playa d'en Bossa, poi, dopo averla uccisa, si sarebbe lanciato nel vuoto.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Giugno 2021, 22:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA