Estate 2021, low cost addio: le compagnie aeree rincarano su bagagli e check-in

Video
di Antonio Calitri

Dopo il blocco del turismo degli ultimi mesi, le compagnie aeree provano a ripartire e le low cost in particolare puntano tutto sul prezzo del biglietto iperscontato. Ma solo all'apparenza perché se è vero che il costo del volo è rimasto lo stesso dell'anno scorso e in molti casi è diminuito addirittura, quello che rischia di far moltiplicare questa cifra e farci pagare un prezzo anche di cinque volte di più, sono i costi extra, a partire dalla scelta del posto a sedere, quasi un obbligo in un periodo come questo dove la diffidenza di chi abbiamo a fianco è altissima.

Vaccini, in arrivo un sms per scaricare i codici del Green pass


SFORZO E FIDUCIA
I voli low cost tornano a farsi notare per gli ottimi prezzi dei biglietti proposti e questa volta non solo per i periodi più assurdi tipo novembre o località poco battute. E neppure per acquisti fatti con mesi di anticipo. Basta farsi un giro sui siti dei vari operatori come EasyJet, Ryanair, WizzAir, Volotea e quant'altro, con pochi euro si riescono ad acquistare biglietti per le prossime settimane e per le località più ricercate. Uno sforzo che sicuramente stanno facendo gli operatori per far tornare la fiducia anche perché, tra paura dei contagi e mancanza di denaro a causa delle tante attività rimaste chiuse, la scelta dell'aereo non è più un'opzione così gattonata come due anni fa, quando il virus non esisteva e gli operatori low-cost raggiungevano il loro massimo. E allora, ecco che è partita la solita leva del prezzo per abbattere diffidenza e attrarre anche chi non ha molto da investire nelle prossime vacanze. Ma con sorpresa finale.
Già perché se all'apparenza, acquistare un volo low-cost può permettere di viaggiare con pochi euro anche per un'isola greca o una capitale europea, alla fine il conto potrebbe essere molto più caro di quanto apparso all'inizio. Per le tante opzioni proposte, a partire dalla scelta del posto in volo. Una pratica per la verità è incominciata ben prima della pandemia e da parte di un po' tutti gli operatori, comprese le compagnie di bandiera. Certo però è che se su un biglietto da 300 euro, la scelta di un posto da 10, 20 euro incide relativamente e comunque chi non lo acquista può sempre provare a trovare dei posti migliori una volta in aeroporto, sulle low cost, la scelta del posto può superare da sola di tre-quattro volte il costo del volo. E siccome una volta assegnato un posto dal sistema è praticamente impossibile cambiare, una famiglia di tre persone potrebbe essere costretta a viaggiare in tre parti diverse dell'aereo.


A FIANCO DI SCONOSCIUTI
E in tempi di Covid-19, la scelta di chi avere al fianco in un viaggio che può durare ore è quasi obbligata e così diventa obbligato anche pagare la scelta. Un costo che può andare da 1,49 a 109 euro come ha rivelato una recente indagine IdeaWorksCompany. E non è l'unico perché ogni vettore poi, aggiunge altre entrate facendosi pagare un secondo bagaglio a bordo, il bagagli in stiva, l'imbarco prioritario e addirittura la priorità nell'ordine del cibo e bevande a bordo (dopo aver vietato, spesso, la possibilità di mangiare cibo portato da fuori). Un business che più volte l'Unione nazionale consumatori ha ammonito come «una pratica commerciale scorretta».
La prova sul campo. Quanto costa davvero un viaggio low cost allora? Abbiamo provato a prenotare due biglietti low-cost da Roma a Rodi e a Parigi per il prossimo 1° luglio. Per l'isola greca abbiamo optato per Ryanair, trovando un volo ad appena 9,90 euro. Cifra alla quale poi ci viene proposta la scelta del posto a sedere, un'opzione che va dai 7 ai 13 euro per quello standard e dai 17 ai 28 euro per quelli più comodi. Vuoi un secondo bagaglio a bordo? Aggiungi altri 16 euro. Se ne vuoi uno in stiva, devi pagare da 23,99 a 39,99 euro a seconda del peso. Se non vuoi fare la fila all'imbarco puoi scegliere il Fast Track aggiungendo altri 4,25 euro. E se una volta a bordo, non vuoi attendere per avere una bevanda o uno snack, puoi ordinare in anticipo il pasto pagando un supplemento di 1,80-2. Per andare a Parigi sempre l 1° luglio abbiamo optato per EasyJet che propone un biglietto a 41,99. Ottimo prezzo visto il periodo, al quale vanno aggiunti, però, la scelta del posto, da 10,49 a 26,49 e il bagaglio in stiva, da 29,99 a 49,99.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Giugno 2021, 16:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA