Perché cancellarsi da Facebook oggi è inutile. "Sono dieci anni che il social si prepara a questo momento"

di Enrico Chillè
La campagna 'Delete Facebook', nata in seguito allo scandalo di Cambridge Analytica, sta invitando gli utenti del social a chiudere per sempre gli account. L'efficacia di questo movimento, però, potrebbe essere quasi nulla, anche perché Facebook si era già preparato a questa evenienza e da dieci anni ha saputo monopolizzare l'ambito dei social network.

Facebook, 87 milioni di profili usati da Cambridge Analytica​



Quale può essere l'impatto di questo movimento contro il social network più utilizzato al mondo? Difficile dirlo, anche se secondo Vice il rischio era stato ampiamente calcolato, con largo anticipo, dall'azienda fondata da Mark Zuckerberg. Stando ad alcuni sondaggi condotti tra gli utenti negli Stati Uniti, molti credono che la privacy sia a rischio, ma non sono sicuri di volersi cancellare da Facebook.



Cambridge Analytica, Mark Zuckerberg si scusa ancora: "Un mio grande errore"

Il motivo è molto semplice: nel tempo, Facebook ha saputo imporre una sorta di monopolio tra i vari social network, acquisendo funzioni sempre nuove, richieste dagli utenti ma tipiche di altri social che sono stati inglobati dal colosso di Menlo Park. Un esempio su tutti è quello di Friendfeed, acquistato nel 2009 e noto per essere un aggregatore unico nel suo genere, capace di mostrare in tempo reale i post nel feed e con la possibilità, già prima di Facebook, di mettere il 'Like' ai post. Negli anni successivi, lo strapotere di Facebook si è consolidato con l'acquisizione dei brevetti di Friendster e della tecnologia VPN, che consente di monitorare in gran segreto i dati degli utenti. I casi più eclatanti, però, sono stati senza dubbio l'acquisizione di altri social, come WhatsApp e Instagram, che di fatto sono diventati dei 'satelliti' di Facebook.

Cancellarsi da Facebook è possibile, ma non tutti sono convinti di farlo. Un social network con miliardi di utenti in tutto il mondo, nel 2018, sembra qualcosa di irrinunciabile perché le persone vogliono restare connesse tra loro e Facebook rappresenta la primissima scelta in un mercato ormai senza una reale concorrenza.
Giovedì 5 Aprile 2018, 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA